Coopservice in corteo, la CGIL: “Intervenga la Regione”

LA SPEZIA- Si è svolta questa mattina la manifestazione dei lavoratori Coopservice.

Comiti, CGIL
Siamo ancora qui a protestare per il corretto inquadramento contrattuale e adeguati carichi di lavoro”. Così Luca Comiti, segretario provinciale Filcams CGIL, questa mattina alla manifestazione dei lavoratori Coopservice. “Una vertenza che va avanti– dice Comitiperché l’azienda non riconosce le giuste rivendicazioni dei lavoratori. Un atteggiamento che va a scapito dei pazienti: con questa organizzazione e questi carichi non è possibile garantire la corretta pulizia delle strutture ospedaliere. Coopservice deve aprire un tavolo di trattativa in cui discutere una volta per tutte l’organizzazione del lavoro e inquadramento contrattuale.”

Il corteo, partito dall’Ospedale Sant’Andrea accompagnato da un coro di fischietti, è giunta in Via Fazio, dove si è fermato sotto la sede della ASL5.

Ghiglione/Comiti
L’incontro di questa mattina con il Direttore della ASL 5  Conti è stato positivo. Abbiamo posto i temi dell’inquadramento degli operatori socio sanitari e dei carichi di lavoro dei reparti, ed è emersa chiaramente la volontà di affrontare il problema. Conti è disponibile ad un incontro congiunto ASL e Coopservice, per definire le criticità organizzative e come si possono risolvere.” Così Lara Ghiglione, Segretaria della Camera del Lavoro e Luca Comiti, segretario Filcams Cgil, che continuano: “Domani mattina unitariamente come sindacati faremo una richiesta di incontro al Presidente del Consiglio Regionale, affinché a brevissimo ci possa essere un’audizione sul caso da parte dei capigruppo in Consiglio e dall’ assessore Viale. Il nostro obiettivo è iniziare una riflessione sulla possibile re- internalizzazione degli operatori socio sanitari, fermo restando la tutela di chi è attualmente in servizio.” 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Advertisements