Con Mangia Trekking l’alpinismo lento entra nelle scuole

Nata nell’Istituto d’Istruzione Superiore  “Leonardo Da Vinci”  di Villafranca e subito condivisa dalla scuola Superiore di Pontremoli “A.Pacinotti” (sede staccatta dell’Istituto di Bagnone), l’idea del Professor Massimo Tedeschi, supportata dalla Professoressa Annalisa Arrighi diviene realtà.

Si tratta di una iniziativa sviluppata insieme all’associazione Mangia Trekking, la quale per la prima volta, unica sul territorio nazionale, porta l’Alpinismo Lento sui banchi di scuola. Un’attività didattica per gli studenti delle classi del secondo, terzo e quinto anno, che in modo intelligente ed attento alla loro formazione, è stata promossa dalle dirigenti scolastiche, le presidi, Professoressa Sonia Casaburo e Professoressa Lucia Baracchini, con il fattivo assenso dei rispettivi Consigli di Classe. Per gli importanti contenuti, l’iniziativa di portare l’alpinismo lento, in alcune delle sue diverse declinazioni, nel mondo scolastico superiore, ha già ottenuto il supporto del Parco Nazionale dell’Appennino Tosco Emiliano, del Parco Nazionale delle Cinque Terre, del Parco Regionale di Porto Venere e del Comune di Ventasso, il più grande della montagna appenninica, nonché di primarie e rinomate aziende italiane dei settori escursionismo e alpinismo. (AKU, CAMP, Vibram). A tenere le lezioni sarà direttamente un “ hiker – mountaineer ”, il comandante Giuliano Guerri, collaudatore di accessori ed attrezzature da montagna e presidente dell’associazione Mangia Trekking. In ogni classe, saranno trattati gli argomenti relativi alla sicurezza in montagna, con particolare riguardo alle situazioni invernali. Verranno indicate alcune prescrizioni per assicurare il più corretto rispetto dell’ambiente. Saranno approfondite, le caratteristiche delle calzature, delle attrezzature, degli accessori e dell’abbigliamento, necessari per frequentare in sicurezza e con il necessario comfort i sentieri del mare e della montagna in ogni stagione. L’associazione Mangia Trekking inoltre, insieme ai professori Tedeschi ed Arrighi, che sono docenti di scienze motorie presso i due istituti scolastici, e saranno anche i tutor del corso di studio, presenterà il programma di preparazione fisica a cui è sempre bene attenersi per affrontare le vie della montagna in modo responsabile e consapevole. La sezione relativa all’allenamento sportivo sarà approfondita in due fasi, una in aula ed una in palestra.

Vi sarà infine una ulteriore fase nel ciclo istruttivo dei giovani studenti  (che sarà sviluppata se vi sarà disponibilità temporale) la quale  riguarda e prevede delle uscite sul campo per osservare come si eseguono la manutenzione e la segnatura dei sentieri e si possono sviluppare attività di ciaspolatrekking sul territorio. Con piena soddisfazione l’associazione Mangia Trekking, che interviene a titolo assolutamente gratuito, mentre guarda con attenzione il penetrante lavoro che si va sviluppando nel mondo della scuola, auspica che l’alpinismo lento, che oggi unisce saldamente i territori dei Parchi del mare e della montagna,  per le sue tante peculiarità, possa divenire un argomento protagonista nei piani di studio di ogni istituto scolastico.

Advertisements
Annunci
Annunci