Dalla Regione Liguria 260.000 euro per la pulizia dei fiumi: l’annuncio di Giampedrone

GENOVA- Un contributo aggiuntivo di 260mila euro per la pulizia dei rivi e colatori minori a favore dei Comuni con più di 10.000 abitanti. Sono stati stanziati oggi dalla Giunta regionale su proposta dell’assessore alla Difesa del Suolo, Giacomo Giampedrone, dopo l’approvazione in sede di variazione di bilancio delle scorse settimane. 

I Comuni beneficiari sono 24, individuati sulla base  delle priorità e delle criticità messe in evidenza dagli Uffici della difesa del suolo.

Sono 5 i Comuni individuati in provincia di Imperia (Bordighera, Imperia, Sanremo, Taggia, Ventimiglia), 8 i Comuni in provincia di Savona (Alassio, Albenga, Albisola Superiore, Cairo Montenotte, Finale Ligure, Loano, Savona, Varazze), 5 i Comuni selezionati in provincia di Genova (Genova, Lavagna, Rapallo, Recco, Sestri Levante) e 4 in provincia della Spezia (Arcola, La Spezia, Lerici e Sarzana).

 Le nuove  risorse stanziate oggi dalla Giunta si vanno ad aggiungere ai precedenti contributi assegnati nel maggio scorso, pari a 1,4 milioni di euro, a favore dei comuni con popolazione inferiore ai 10 mila abitanti e pertanto con minor capacità finanziaria, per le medesime finalità.

 Gli interventi che saranno finanziati con lo stanziamento odierno riguardano la manutenzione ordinaria dei rivi, dei colatori minori e la risagomatura degli alvei.

Ai Comuni individuati non è richiesto un obbligo di cofinanziamento e l’ammontare dei contributi assegnati a ciascun territorio  e’ stato calcolato sulla base della superficie comunale, dell’indice demografico e dell’area a rischio esondazione.

Nonostante le carenze della Legge Delrio che ha, di fatto, ridotto drasticamente i contributi derivanti dai canoni demaniali e utilizzabili per la manutenzione dei rivi e la difesa del suolo – spiega l’assessore GiampedroneAbbiamo voluto dare un segnale chiaro al territorio ligure e dimostrare nei fatti che sul tema della sicurezza non vogliamo lasciare indietro nessun Comune. Anche su interventi di competenza diretta delle amministrazioni locali come questi. I Sindaci possono partire subito con la programmazione e attuazione degli interventi necessari e che riterranno prioritari. A questo proposito sono molto contento che abbiamo potuto aggiungere ulteriori risorse che andranno a completare il quadro degli interventi di manutenzione ordinaria su tutto il territorio ligure senza lasciare indietro nessuno”.

Advertisements
Annunci
Annunci