ASL5 risponde alle accuse di malasanità

LA SPEZIA– Alla luce dei ripetuti articoli di stampa riguardanti presunti episodi di malasanità che hanno riguardato le strutture ospedaliere dell’Asl5 “Spezzino”, e delle affermazioni rilasciate dai rappresentanti del Tribunale del Malato, il Collegio dei Primari ritiene opportuno ribadire con forza e trasparenza che gli operatori sanitari lavorano in maniera corretta, occupandosi seriamente dei bisogni sanitari e assistenziali dei pazienti.

Se si sono verificate situazioni in cui  si è evidenziata una carente assistenza o comportamenti scorretti, siamo i primi a sostenere che vadano intrapresi provvedimenti adeguati per punire i colpevoli ed evitare che ulteriori episodi  si ripetano in futuro.

Non riteniamo però giusto che quanto emerso dai quotidiani possa andare a discapito delle tantissime professionalità presenti nelle nostre strutture, e possa in qualche modo gettare un’ombra di sfiducia sulla sanità spezzina, turbando così quel normale rapporto di stima tra professionisti,  pazienti e familiari.

Il Presidente

Cinzia Sani

Stefania Artioli, Carlo Aschele, Enrico Battolla, Gianni Berisso, Daniele Bertoli, Stefano Berti, Lorenzo Camellini, Pier Aldo Canessa, Giovanni Celoria, Rosanna Ceglie, Andrea Ciarmiello, Enrico Conti, Franco Fedeli, Giorgio Ferrari, Franca Foppiano, Prospero Magistrelli, Antonio Mannironi, Gianfranco Mazzotta, Giuseppe Saverio Nucera, Stefano Parmigiani, Roberto Rendo, Davide Rolla, Fiamma Rollandi, Ilan Rosenberg, Cinzia Sani, Alberto Sancin, Tindaro Scolaro, Raffaelle Staffiere, Teseo Stefanini, Marcello Zinelli

Advertisements
Annunci
Annunci