Pignone, + 40% di presenze turistiche: “Occorrono strategie comuni”.

PIGNONE- Complice  la congiuntura  internazionale  favorevole , un aumento  generalizzato di tutto il territorio del  levante ligure ,  il comune di Pignone con il più 40% di  presenze  (gennaio –agosto ) balza da  4101 a 5241 (+1140) negli  arrivi e  da  8244 a 1595 (+3351) nelle presenze. Nel  dettaglio sono soprattutto   i lombardi  i veneti  e  gli emiliani  a  scegliere il borgo bandiera arancione dell’entroterra spezzino , francesi , americani belgi e svizzeri  tra gli stranieri ,  (+45,93 tra gli italiani ) (+37,44) tra gli stranieri .
“Abbiamo aderito come  comune  al Patto Strategico  per il Turismo promosso dalla regione  Liguria perché riteniamo strategico far  squadra  mettendo in campo  azioni coordinate. E’ necessario un  percorso condiviso tra operatori , produttori agricoli , le  amministrazioni locali, gli Enti parco e le Associazioni non solo nella promozione ma   partendo  dai servizi  dell’accoglienza  come la  gestione degli uffici informazione ad esempio  , dove oggi  il comune di  Pignone grazie al suo ufficio  Iat  svolge  sicuramente  una funzione  strategica  di area  vasta, ma anche nella programmazione degli eventi  e adottando strategie comuni  nella tassa di soggiorno “ (oggi una  giungla  n.d.r. )“  dichiara  Mara  Bertolotto  sindaco  di Pignone  .
Il nostro modello è la mostra mercato “orti di Pignone “ e il risultato  è un lavoro di squadra  tra operatori , associazioni , cittadini  e voglio  ringraziare  tutti  per il risultato  raggiunto “ continua Bertolotto .
Consapevoli  di  non potersi  adagiare  sui risultati,   il comune di Pignone  auspica  che anche in sede  provinciale  si possa  da  subito declinare il patto strategico  regionale  e  addivenire  ad azioni comuni.

Advertisements
Annunci
Annunci