La Spezia Popolare: “Giardini pubblici troppo degradati, restituiamoli alla città”

LA SPEZIA- Dobbiamo purtroppo constatare, con profondo rammarico, il degrado e l’insicurezza dei nostri amati giardini pubblici; preda quotidianamente di chi sporca e deturpa o, peggio ancora, delinque. È necessario, quindi, permettere ai nostri concittadini di riappropriarsi di un bene unico, patrimonio di tutta la città.
Per questo è fondamentale individuare la soluzione che permetta una chiusura notturna dei giardini,così da consentire agli addetti di provvedere adeguatamente alla loro pulizia, in vista della riapertura mattutina. In molte città  europee e italiane  i giardini pubblici sono un bene della collettività, chiuso la notte e vissuto da residenti e turisti durante la giornata. 

La chiusura dei giardini pubblici permetterebbe  in questo modo di salvaguardare le testimonianze storiche presenti all’interno come ad esempio il Palco della Musica e la fontana del Bigigeo oggetto in passato di atti vandalici. 

Anzi sarebbe interessante valorizzare le testimonianze storiche presenti all’interno dei Giardini con targhe che ne descrivano la loro storia.

Questo è quello che auspico per il bene delle famiglie spezzine e per chi visita ogni giorno la nostra città. 

Come gruppo consiliare, presenteremo la proposta alla giunta, ed in particolare all’assessore alla sicurezza Gianmarco Medusei, perché possa valutarla .

Gruppo Consiliare La Spezia Popolare

Andrea Costa

Umberto Costantini

Marco Tarabugi

Advertisements
Annunci
Annunci