Montecatini: il Festival del cortometraggio più longevo d’Italia inaugura la 68° edizione

MONTECATINI – Ospiti internazionali, guest star, proiezioni, corsi di cinema e molto altro ancora: torna il MISFF – Montecatini International Short Film Festival, dal 20 al 26 di ottobre, con una settimana di grande cinema e di formazione per i giovani e i talenti emergenti nel campo del cinema.

L’edizione 2017 è stata presentata oggi da Marcello Zeppi, nel corso di una conferenza stampa organizzata presso il Comune di Montecatini, alla presenza di Bruno Ialuna (Assessore alla Cultura di Montecatini Terme), Simone Gagliardi(Presidente della Commissione Cultura di Montecatini Terme), Giovanni Bogani(Direttore Artistico MISFF – Montecatini International Short Film Festival) e Fabio Spennato (Presidente MT City Farm).

Con i suoi 68 anni di vita, il MISFF è la più antica e longeva manifestazione dedicata al cortometraggio d’Italia : di qui sono passati negli anni Alberto Sordi, Giulietta Masina, Dacia Maraini, Nanni Moretti, Pupi Avati, Marco Bellocchio, Ferzan Özpetek, Rutger Hauer e altri ancora; ultimo della serie Neri Parenti, che ha tenuto a battesimo l’edizione dell’anno scorso.

Quest’anno, tra le guest star, l’attore Giancarlo Giannini, impegnato nelle riprese dell’ultimo film di Paolo Virzì, che sarà premiato sabato 21 ottobre con l’Airone d’oroper il grande contributo che ha dato al cinema, italiano e internazionale, e farà una vera e propria “lezione di cinema” ai tanti giovani e agli autori emergenti presenti a Montecatini, prevista per sabato 21 ottobre nella Sala Sirio del Palazzo dei Congressi di Montecatini. Attesa anche la presenza di Federica Vincenti, cantante e produttrice, già ospite dell’edizione 2016 del MISFF e presente anche quest’anno, e gli attori Sebastiano Somma. Sarah Maestri e Giada Benedetti.

«Sono orgoglioso di questa edizione numero 68 del Festival –  – dichiara Marcello Zeppi, al sesto anno di conduzione del Festival – che sarà memorabile perché per la prima volta possiamo programmare con largo anticipo le prossime due,  grazie alla stipula  di una Convenzione triennale con lAmministrazione comunale,fortemente cercata e resa possibile grazie all’ Assessorato alla Cultura condotto da Bruno Ialuna. Una manifestazione con un grande passato, ma rivolta soprattutto al futuro: sia per lo spazio che lascia ai giovani autori emergenti da tutto il mondo,che per l’attenzione alla formazione grazie agli “Authors’ Days” e i laboratori nelle scuole. Non solo: con le sue attività nel mondo, il MISFF è impegnato in prima linea anche nell’esportazione, nella comunicazione e nella difesa del cinema “Made in Italy”. Un trend che continuerà anche nelle prossime edizione: il Festival ha grandi potenzialità, e cresce anno dopo anno».

Merito anche della partnership con la FEDIC (la Federazione Italiana dei Cineclub), storico partner fondatore del MISFF, guidata da Lorenzo Caravello,che fa un lavoro preziosissimo con i giovani autori da tutta Italia. I progetti e i laboratori di cinema per le scuole, condotti sapientemente da Laura Biggi (Responsabile Nazionale FEDICScuola), hanno coinvolto centinaia di studenti, professori e le Dirigenze Scolastiche, per fare scuola di cinema”. Lunedì 23 ottobre durante il Concorso SVMI (Scuola Video Multimedia Italia) sarà proiettata una selezione dei cortometraggi più meritevoli, seguita da una premiazione; alcuni premi sono stati assegnati da una giuria scolastica formata da istituti scolastici toscani.

Il MISFF, che ha ricevuto quest’anno personalmente dal Ministro dello Sport Luca Lotti il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri, apre con un’edizione dai grandi numeri: si riparte dalle oltre 5mila presenze dell’anno scorso, con 155 proiezioni in gara nella selezione ufficiale, 150 Volontari selezionati nelle scuole grazie ai Progetti di Alternanza Studio Lavoro, e oltre 500 membri nelle Giurie Popolari.

Il centro termale toscano diventa per una settimana un crocevia internazionale; le 155 proiezioni arrivano infatti da 57 paesi differenti: dall’Italia, con 30 titoli di giovani emergenti in gara, fino a Spagna, Germania, Svezia, Olanda, Danimarca, Finlandia, Israele, Stati Uniti, Canada e una forte componente asiatica, grazie alla partecipazione di una dozzina di cortometraggi tra Cina, India, Corea del Sud, Taiwan, Singapore e Giappone. Segno tangibile di un Festival in continua crescita, che ha saputo cogliere le opportunità della globalizzazione creando una sorta di “internazionale del cinema”, grazie anche ai gemellaggi con numerosi festival cinematografici internazionali (il portoghese Avanca Film Festival, il francese Festival International du Film sur le Handicap (FIFH), lo spagnolo FEC – Festival Europeu de Curtmetratges e il Valletta Film Festival), con i quali ha creato una vera e propria rete internazionale, che promuove eccellenze cinematografiche e giovani talenti emergenti. I gemellaggi sono stati tutti costruiti caparbiamente dal Presidente del MISFF Marcello Zeppi, che ha invitato personalmente a Montecatini Direttori, Presidenti e Fondatori Docenti di Master Class dei Festival, tra cui, solo per citarne alcuni, Antonio Costa Valente (Avanca Film Festival) Angelique Müller (Valletta Film Festival) Fedor Krat (Bridge of Arts, Russia; “I Can See You”, vincitore di questo Festival, è entrato nella Selezione Ufficiale del MISFF), Christian Inaraja (FEC) Katia Martin Maresco (FIFH), e Javier Venturi (Usa).

Un Festival, con la supervisione operata dal Direttore Artistico, il critico e giornalista di cinema Giovanni Bogani, la rigorosa selezione della Commissione Artistica coordinata da Antonella Santarelli e il vaglio dalla Giuria Internazionale, che punta sulla qualità. Il MISFF è stato in passato un trampolino di lancio per molti autori: “Per Anna” di Andrea Zuliani, vincitore dell’anno scorso, è anche andato in nomination al David di Donatello, mentre il francese “Le dernier voyage de l’énigmatique Paul WR”, di Romain Quirot, premiato nel 2016 categoria “Best Fiction Film” è poi entrato nella cinquina dei migliori film del New York Sci-fi Film Festival.

Cinema vero, per intenditori, e alla portata di tutti: l’accesso alle proiezioni è gratuito. Ma, soprattutto, quello che rende unico è il MISFF è il fatto di essere non solo una vetrina prestigiosa per il cinema internazionale, ma anche un vero e proprio “laboratorio di cinema”, con un’attenzione particolare nei confronti della formazione, che si concretizza nell’organizzazione di 16 incontri tra Tavole Rotonde e Masterclass, e tre giornate dedicate agli “Authors’ Days” (dal 20 al 22 di ottobre), durante le quali settanta progetti dall’Italia e dall’estero saranno presentati nello storico Cinema Imperiale di Montecatini, con la supervisione di Alessandro Grande, regista e docente di regia e sceneggiatura cinematografica. I giovani autori saranno supportati da un team multidisciplinare (fatto di personalità del mondo del cinema, produttori, registi, sceneggiatori e da coach) che anche grazie ad un attento lavoro, di Pitching, Coaching e Mentoring avranno il compito di contribuire a portare al successo i progetti presentati a Montecatini. La scorsa edizione, aveva visto la partecipazione di 25 autori selezionati da tutta Europa, e quattro di questi progetti sono attualmente in fase di sviluppo. L’obiettivo non è solo quello di fare “scuole di cinema”, ma di liberare le energie dei giovani, di aiutarli a sfruttare le loro potenzialità e di costruire assieme a loro un percorso duraturo, continuando a dare loro assistenza anche dopo il Festival.

Advertisements
Annunci
Annunci