MDP La Spezia: “Cernaia, intervenga il Ministro dei Beni Culturali”

 LA SPEZIA- Premesso che

la lunga e contrastata vicenda del restauro della parte alta della Scalinata Cernaia, nonostante scelte alternative validamente proposte dalla cittadinanza, sembra risolversi con l’abbattimento anche dell’ultimo albero testimone della sua storia e di quella della città;

il nostro giudizio su tale esito sarebbe estremamente negativo poiché priverebbe la città di un suo tesoro prezioso, non solo suggestivo ed incantevole ma anche di rilevantissimo interesse sotto il profilo storico e culturale, e  vedrebbe uscire sconfitti tutti i protagonisti di questa vicenda;

le  affermazioni per le quali l’Amministrazione  assicura che i tratti più vicini alla città saranno un “monumento” sono ancora più preoccupanti in quanto non chiariscono che lo saranno proprio perché  mantenuti nella loro integrità, senza snaturarne il suggestivo contesto, dagli alberi secolari all’arenaria, alle ringhiere in “stile militare”, alle caditoie, agli scalini senza cemento;

la Sovrintendenza, tramite suoi autorevoli esponenti,  ha pubblicamente dichiarato  che le impalcature necessarie a puntellare l’albero secolare che consentirebbero di curarlo senza rischi  per i cittadini  deturperebbero il paesaggio e che le radici della pianta sarebbero di danno a non si sa che cosa;

esprime

l’auspicio che la politica ritrovi la sua autorevolezza ed imponga scelte ragionevoli che impediscano di completare lo scempio già subito da quell’angolo di storia della nostra città;

invita

a questo fine, i parlamentari del territorio a sollecitare il Ministero dei Beni Culturali affinché intervenga per ripristinare quel minimo di ragionevolezza che imponga scelte conservative e restaurative per la Scalinata Cernaia.

ARTICOLO 1 – MDP

Coordinamento della Spezia

 

Advertisements
Annunci
Annunci