“Fulmine è oltre il ponte”. Un progetto di William Domenichini

È iniziato il progetto di crowdfunding per “Fulmine è oltre il ponte“, il libro che William Domenichini ha scritto per il nonno partigiano.

Ciro Domenichini nel 1943 ha 20 anni ed è in guerra. Si ritrova a Spezia, dopo l’armistizio, a battaglia non ancora finita, con l’occupazione dei tedeschi e i fascisti che si stanno riorganizzando. Così diventa il partigiano “Fulmine” e inizia la lotta. Una lotta che è diventata storia, di proprietà finora della sua famiglia, degli amici, una storia fatta di racconti ai figli e ai nipotini, che oggi diventa patrimonio di tutti grazie all’opera di William. www.informazionesostenibile.info

Quest’opera, per poter essere realizzata, ha bisogno dell’aiuto di tutti: è possibile contribuire alla sua nascita sul sito della casa editrice: www.marottaecafiero.it.

L’autore
William Domenichini, nato alla Spezia nel 1978, è dipendente di azienda. Da anni coltiva la passione per la scrittura, coordinando la redazione della rivista Informazione Sostenibile1, contribuendo anche ad altre appzine: L’Indro, Manifesti(amo) e DemocraziaKm0. Coautore del libro/dossier sugli abbandoni delle aree militari “Riconversioni urbane” (!Rebeldia Edizioni)2, è impegnato da anni nell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia, con cui ha sviluppato progetti storico-culturali con le scuole sulla memoria storica della Resistenza spezzina. Autore del Calendario della sezione ANPI di Follo3, celebrativo del 70° anniversario della Liberazione, nel 2016 contribuisce con l’Associazione Storico Culturale Stella Tricolore, alla realizzazione de “La battaglia dei Casoni”4, un docufilm che racconta la resistenza che opposero i partigiani della Brigata Val di Vara al rastrellamento nazifascista del 3 agosto 1944.

“Fulmine è oltre il ponte”, pagina Facebook

 

Advertisements
Annunci
Annunci