“Nonno, ascoltami!” in Piazza del Bastione domenica 8 ottobre

LA SPEZIA-  Sono oltre 3.500 le persone che ogni anno si rivolgono al sistema sanitario regionale ligure per ricevere un apparecchio acustico a causa di un disturbo uditivo, problema che coinvolge due persone su tre oltre i 65 anni. Di questi il 75% non porta una protesi acustica e in genere impiegano tra i 5 e i 7 anni prima di accettare il problema e rivolgersi a uno specialista. I dati sono emersi nel corso della presentazione della VIII edizione di “Nonno Ascoltami”, la campagna nazionale per la prevenzione dei disturbi dell’udito che quest’anno farà tappa anche alla Spezia,l’8 ottobre, in piazza Del Bastione, dalle ore 10 alle ore 20.

“In Liguria – spiega la vicepresidente della Regione e assessore alla Sanità Sonia Viale – le persone residenti ultra 65enni sono 120mila e, di queste, ben 90mila sono oltra 75enni. Risulta perciò di tutta evidenza la rilevanza sanitaria e sociale delle patologie legate all’invecchiamento, comprese quelle legate ai disturbi dell’udito, considerato anche che tra gli ultra 65enni l’ipoacusia è seconda solo a ipertensione e artrosi. In questo contesto, Regione Liguria eroga apparecchi acustici in modo gratuito attraverso le Asl (nel 2014 ne sono stati erogati 3.356, nel 2015 gli apparecchi erogati sono stati 3.511 mentre nel 1° semestre del 2016 sono stati 1.920). Questi supporti, indispensabili, riguardano però persone con la patologia in fase avanzata: per questo è fondamentale agire anche sul fronte della sensibilizzazione e prevenzione, grazie anche a campagne nazionali come “Nonno ascoltami” che quest’anno toccherà le piazze di Genova e Spezia”. A livello europeo, i dati (riferiti al 2015) rivelano che, all’età di 70 anni, almeno il 30% degli uomini e il 20% delle donne soffre di ipoacusia. All’età di 80 anni la riduzione più o meno marcata dell’udito interessa il 55% degli uomini e il 45% delle donne.

Quest’anno la campagna “Nonno Ascoltami!” coinvolgerà 36 piazze, 15 regioni, con un bacino di utenza di circa 10 milioni di cittadini in tutta Italia, offrendo l’opportunità di effettuare controlli gratuiti dell’udito, nelle tende messe a disposizione da Croce Rossa e Misericordia. In piazza medici specialisti e tecnici dell’udito, che per un’intera giornata saranno a disposizione dei cittadini.

“‘Nonno Ascoltami!’ è soprattutto un evento sociale – commenta Mauro Menzietti, ideatore dell’iniziativa – che, prendendo spunto dalla Festa dei Nonni, richiama in piazza tutta la famiglia per sensibilizzare i cittadini sulle tematiche dell’udito. È la sanità che va incontro alle persone, riunendo in un unico evento tutte le figure professionali coinvolte nella tutela della salute (medici chirurghi, otorini, audioprotesisti, audiometristi), tutto a vantaggio dei cittadini”.

 I NUMERI DI “NONNO ASCOLTAMI!” 

•           10 milioni di persone raggiunte dal messaggio di prevenzione

•           6 domeniche15 regioni 36 piazze in Italia

•           7mila controlli dell’udito effettuati nel 2016

•           50 strutture ospedaliere coinvolte

•           18 partner

•           oltre 150 medici specialisti in piazza

•           più di 200 specialisti dell’udito

•           oltre 1.000 volontari

L’evento gode del patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri e del ministero della Salute, con cui “Nonno Ascoltami!” ha instaurato un rapporto di collaborazione, fornendo supporto nella divulgazione scientifica dei dati sull’ipoacusia in Italia. Fondamentale il sostegno da parte dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, di cui “Nonno Ascoltami!” è interlocutore ufficiale e ambasciatore per l’Italia. Ogni anno infatti l’associazione si fa promotrice della Giornata dell’udito, importante iniziativa a sostegno del “World Hearing Day”, indetto dall’OMS il 3 marzo di ogni anno. “Nonno Ascoltami!” si avvale del prezioso sostegno di un Comitato scientifico nazionale, formato da più di trenta medici specialisti, tra i maggiori esperti del settore audiologico italiano. L’evento infatti gode del patrocinio e supporto scientifico di tutti i presidi ospedalieri delle città che aderiscono all’iniziativa. Prendendo spunto dalla festa dei nonni, la manifestazione porterà in piazza tutta la famiglia, per una giornata di giochi, sport e divertimento per grandi e piccini. Tra le iniziative collaterali, il “Muro del nonno”, esposizione di elaborati artistici sul tema rapporto nonno-nipote.

Advertisements
Annunci
Annunci