Le Associazioni Ambientaliste: “La nuova Amministrazione si esprima chiaramente sul PUC”

LA SPEZIA- In merito all’incontro di sabato 16 settembre realizzato con l’Assessore all’Urbanistica Anna Maria Sorrentino Italia Nostra, Legambiente, Vas e Comitati del Levante cittadino esprimono soddisfazione per l’esito dell’incontro, e ringraziano l’assessore per la disponibilità ed apertura manifestata verso le nostre istanze. In particolare registriamo la convergenza di opinioni sui contenuti del nuovo Piano Urbanistico Comunale, ad esempio sui punti espressi nelle nostre più recenti Osservazioni al PUC: tutela della fascia collinare tramite le misure di inedificabilità, recupero terre incolte, limitazioni al Piano Casa, oltre all’accoglimento della Linea Verde come limite all’espansione della città. Le associazioni e i comitati esprimono invece viva preoccupazione per l’ipotesi, non esclusa in assoluto dalla stessa Sorrentino, che l’Amministrazione, per la notevole quantità di osservazioni presentate e per la loro problematicità, non riesca a rispondere alla Regione, in merito appunto alle Integrazioni richieste e accoglimento delle Osservazioni, entro la scadenza dei 120 giorni, ovvero di metà novembre. Se ciò accadesse il “Nuovo PUC” decadrebbe, anche nelle sue funzioni di “salvaguardia”, e  rientrerebbe ad essere pienamente vigente il vecchio Piano, con tutto il suo portato negativo di previsioni urbanistiche quali, ad esempio: nuovi centri commerciali (es.: Ex-SIO), cementificazione del piede delle colline (es. Valdellora e Costa di Murlo),  esagerate cubature dei distretti di trasformazione di Calata Paita ed Area Ex-IP. Senza considerare che andrebbe perso il prezioso lavoro realizzato dagli uffici preposti per dotare la città di un piano urbanistico coerente ai tempi ed ai principi di sostenibilità. Basti pensare al tema della prevenzione e adattamento al rischio idrogeologico.
Le associazioni e i comitati invitano quindi l’Amministrazione ad esprimersi chiaramente sul destino del PUC ed a realizzare tutti gli sforzi necessari per rispettare le scadenze imposte, anche nel caso non venisse concessa da Regione una eventuale proroga (la quale invece dovrebbe essere nell’ordine delle cose visto il prolungamento fino a fine agosto della scadenza per realizzare le Osservazioni al Piano).

Italia Nostra La Spezia
Legambiente La Spezia
Vas
Comitati del Levante cittadino

Advertisements
Annunci
Annunci