Al “Nuovo” la storia di Andrea Bocelli

LA SPEZIA– Si chiama Amos di nome, come uno dei figli di Andrea Bocelli, e Bardi di cognome, come la Camerata fiorentina presso la quale ebbe inizio il recitare cantato tra la fine del 1500 e l’inizio del 1600.

Un personaggio inventato, Amos Bardi, che nel nuovo film di Michael Redford (Il postino, Il Mercante di Venezia), dal titolo La musica del silenzio, sarà l’alter ego di Andrea Bocelli, uno dei più noti tenori al mondo.

Partito dalla sua Lajatico, in provincia di Pisa, ipovedente fin dalla nascita e completamente cieco dall’età di dodici anni, Andrea Bocelli è oggi uno dei tenori più noti e apprezzati al mondo, che si è esibito nei più prestigiosi teatri, come il Carnegie Hall e il Metropolitan Opera Huuse di New York e il Wiener Staatsoper di Vienna, oltre che nei principali festival internazionali.

Il film si incentra sul percorso personale e musicale di Amos Bardi/Bocelli, dall’infanzia fino ai successi internazionali,  ispirandosi all’omonimo romanzo autobiografico del tenore toscano. Ad interpretare Andrea Bocelli sarà l’attore e musicista inglese Toby Sebastian affiancato da un cast internazionale: Antonio Banderas (nel ruolo del maestro di musica), Jordi Mollà (il padre), Luisa Ranieri (la madre), Ennio Fantastichini (lo zio), Nadir Castelli (la moglie) oltre a un cameo dello stesso Bocelli.

Il film è stato girato tra Roma e varie location toscane, come Peccioli, Volterra, Lajatico e Montecatini Val di Cecina, per le quali la produzione si avvalsa della collaborazione di Toscana Film Commission.

Info: Biglietti disponibili in prevendita alla cassa del cinema

Advertisements
Annunci
Annunci