Nomina D.ssa Banchero in ASL5, un intervento di Francesco Battistini

GENOVA- La scelta dei professionisti che devono ricoprire ruoli dirigenziali nella pubblica amministrazione deve seguire regole precise e inderogabili e non può, in alcun caso, essere soggetta a parametri decisionali diversi.
Il caso di cui ci siamo occupati, a fronte di dubbi sull’effettivo rispetto delle regole per quella nomina che ci sono stati segnalati da piu’ fonti, e’ quello della nomina della Dottoressa Maria Antonietta Banchero.
Come nostra abitudine abbiamo richiesto, tramite un accesso agli atti, che ci fosse fornita una relazione sull’effettiva rispondenza dei titoli a quanto richiesto per il ruolo e, nei giorni scorsi, abbiamo ricevuto la risposta.
Al di là della mancanza di alcuni allegati, citati ma inviati solo dopo nostra ulteriore richiesta, abbiamo rilevato come, nella relazione inviata dal Direttore Generale del Dipartimento salute e servizi sociali di Regione Liguria, si faccia riferimento a titolarità di incarico di struttura semplice e conferimento di poteri gestionali.
Da nessuna parte si nomina ciò che effettivamente è richiesto, come titolo, per l’inserimento nell’elenco degli idonei al ruolo: l’effettivo àsvolgimento delle mansioni di gestione con responsabilità diretta nella gestione finanziaria e delle risorse umane!
Resta poi l’incongruenza delle date: la Dottoressa Banchero ha iniziato la sua attività nel ruolo di Direttore Sanitario di ASL 5, il giorno 28 Ottobre 2016, la sentenza del Tribunale di Milano, con cui si confermava la correttezza del diniego all’iscrizione della D.ssa Banchero nell’elenco degli idonei al ruolo di Regione Lombardia, e’ del 22 Giugno 2016 ed e’ stata pubblicata in data 10 Settembre 2016.
Da ciò si evince che l’esito e le conseguenze di tale sentenza erano note oltre 4 mesi prima dell’entrata in ruolo in ASL 5 della D.ssa Banchero.
Pretendere chiarezza con un documento che attesti le mansioni svolte da Banchero dovrebbe essere il minimo sindacale, questo ci aspettiamo e pretenderemo di avere nel più breve tempo possibile, anche in considerazione delle rivoluzioni annunciate oggi in Consiglio Regionale dall’Assessore Viale.
Rivoluzioni che ormai paiono essere sempre e solo basate sulla produzione e occupazione delle poltrone ma che si rilevano del tutto assenti in ciò che servirebbe davvero alla comunità: una Sanità pubblica efficiente, programmata e ben organizzata e che guardi al benessere di lavoratori e pazienti.
Francesco Battistini
Consigliere Regionale
Gruppo Rete a Sinistra/liberaMENTE Liguria
Advertisements
Annunci
Annunci