P.C.I contro Cavarra: L’invito di Renzi al Festival della Mente è una scelta scellerata

Il Sindaco di Sarzana cerca di manipolare le manifestazioni pubbliche per il proprio tornaconto politico. L’invito del primo cittadino al segrerario nazionale del PD, Matteo Renzi, al Festival della mente null’altro è che, a meno di un anno dalle elezioni sarzanesi, una vera e propria strumentalizzazione politica di uno dei più noti eventi del Comune che amministra. Il “portare” infatti l’ex Presidente del Consiglio al festival, oltretutto con un vergognoso invito ai Sarzanesi su carta intestata del Comune, con la scusa della presentazione del proprio libro, appare ai più come il lancio della campagna elettorale a spese dei cittadini. All’oscuro dell’invito gli organizzatori del festival che si dicono estranei ai fatti. Una situazione assurda e paradossale; sarebbe il caso che il Sindaco si occupasse dei problemi veri della città, dal commercio cittadino alla viabilità, dall’ampliamento degli aiuti ai servizi sociali, alla situazione di Marinella, ai soldi pubblici spesi inutilmente invece di inscenare una pantomima per il solo interesse personale. Sulla vicenda non si è fatta attendere la reazione del presidente della regione Liguria che ha addirittura minacciato di togliere a Sarzana il patrocinio alla manifestazione. Questa maggioranza in regione ovviamente non vedrebbe l’ora di spostare il Festival della mente dal comune di sarzana per farlo approdare in un comune più vicino politicamente come La Spezia. Di questo il Sindaco avrebbe dovuto tener di conto; anche sulla base di questo imporre Renzi in una manifestazione di questo tipo risulta una scelta assolutamente scellerata. Un’altra dimostrazione di arroganza ed inadeguatezza. Se è questo l’inizio della campagna elettorale piddina allora ne vedremo delle belle, speriamo non più a spese dei cittadini.
Partito Comunista Italiano
Sezione E.Berlinguer – Sarzana e Val di Magra
Advertisements
Annunci
Annunci