Francesco Battistini sui nuovi ritrovamenti di rifiuti a Pitelli

La Spezia – Pitelli, una collina che rappresenta una profonda ferita al territorio della Provincia spezzina per l’utilizzo che nei decenni ne e’ stato fatto, come discarica delle sostanze e dei materiali piu’ disparati, in modo dissennato e incontrollato. Fin dal nostro insediamento in Consiglio Regionale ci siamo occupati della questione e gia’ a una nostra interrogazione, presentata nell’Ottobre 2015, ci venne confermato, come da nostra richiesta, che, viste le difficolta’ dell’Ente Regione a occuparsi in modo adeguato della caratterizzazione e della bonifica del sito, si sarebbe richiesta la ritrasformazione dell’area da Sito di Interesse Regionale a Sito di Interesse Nazionale. Questo, come del resto è sempre stato nelle nostre intenzioni, per beneficiare di maggior risorse economiche da investire sulla bonifica e per applicare controlli ancor più stringenti da parte delle Autorità. A distanza di 2 anni cio’ però non e’ avvenuto, e i rinvenimenti di nuovi ulteriori rifiuti pericolosi ci mostrano che l’emergenza esiste ancora. Per questo abbiamo presentato una interrogazione in Consiglio Regionale per reiterare la nostra richiesta di ridefinizione di Pitelli in Sito di Interesse Nazionale e per chiedere che venga eseguita, in collaborazione con Arpal, una Verifica di Impatto Sanitario, per sapere se e quanto lo stato in cui versa il territorio possa incidere sulla salute dei cittadini. A questo atto abbiamo aggiunto una ulteriore interrogazione per chiedere conto delle azioni intraprese dalla Giunta regionale al fine di attuare quanto previsto dalla mozione, che mi vide primo firmatario, e che toccava l’ormai imprescindibile questione della caratterizzazione completa dell’area e dunque della bonifica del sito di Pitelli.

Francesco Battistini 

Consigliere Regionale Rete a Sinistra/liberaMENTE Liguria

Advertisements
Annunci
Annunci