Logopedia, liste d’attesa troppo lunghe? Le precisazioni della ASL

LA SPEZIA– Con riferimento agli articoli pubblicati sui quotidiani locali riguardanti
Liste di attesa troppo lunghe per le sedute di logopedia” si premette, per mera evidenza, che la riorganizzazione del servizio compreso il cambio di sede ha portato ad un incremento delle prestazioni, essendo particolarmente apprezzato dagli utenti .

Per completezza informativa si evidenzia che alla S.S.D. Neuropsichiatria, settore logopedia, accedono i bambini con sospetto diagnostico inviati dal Pediatra di Libera Scelta.

Al percorso riabilitativo logopedico:
-Accedono i pazienti di età compresa tra 2 e 8 anni con difficoltà linguistiche rilevate dagli specialisti all’interno del percorso valutativo.
-Accedono i pazienti con età compresa tra gli 8 e i 14 anni con difficoltà di apprendimento rilevate dagli specialisti all’interno del percorso valutativo.
Il trattamento riabilitativo è strutturato in cicli. Il ricorso alla CICLIZZAZIONE permette di monitorare i cambiamenti nel momento della terapia. Il percorso abilitativo/riabilitativo è orientato secondo le caratteristiche cliniche del soggetto e l’età al momento della diagnosi.
Esistono inoltre priorità di presa in carico in trattamento logopedico:
1) Priorità assoluta riservata alle ipoacusie post protesizzazione o post impianto cocleare.
2) Priorità assoluta fino ai 4 anni per: bambini affetti da Autismo, Disprassia verbale, Paralisi cerebrale infantile in cui si evidenzi un grave disturbo del linguaggio o della comunicazione.
Si precisa, infine, che Asl 5 per adeguare l’organico ha fatto richiesta alla Regione di n. 2 Tecnici della Riabilitazione Logopedistica e n.1 Tecnico della Riabilitazione Educatore Professionale. Tutto questo al fine di dare al cittadino un servizio adeguato ed abbattere le liste di attesa.

Advertisements
Annunci
Annunci