Il degrado delle periferie e le promesse mai mantenute (di Pietro Antonio Cimino)

LA SPEZIA– Lo scorso 12 aprile nella seduta della II commissione  consiliare sono stati sentiti gli abitanti ed i commercianti di Valdellora che hanno rappresentato le molteplici problematiche di un quartiere che, a causa di scelte sbagliate di questa amministrazione, oggi sta vivendo un degrado di tutta l’area e l’abbandono di tante attività che stanno chiudendo i battenti con la conseguenza che oggi gli abitanti di Valdellora devono uscire dal proprio quartiere anche solo per comprare il giornale o un pacchetto di sigarette.

Tutti gli intervenuti hanno concordato sul fatto di come le promesse fatte nella precedente campagna elettorale si siano concretizzate in un completo abbandono del quartiere che oggi grida a gran voce la sua vitalità e non accetta in alcun modo di diventare un cosiddetto quartiere dormitorio.

Le assicurazioni pervenute dall’amministrazione sono quelle legate all’organizzazione, per la prossima estate, di un evento del quartiere, una sorta di sagra dell’acciuga di Valdellora, per far tornare a vivere il quartiere, soluzione fortemente criticata da tutti in quanto non serve una sagra per risollevare il quartiere ma ben altre iniziative.

Ma quello che più ha segnato la discussione è stato l’intervento del capogruppo del PD che ha detto che “non è vero che le periferie e i quartieri periferici sono stati abbandonati, basti andare a Pagliari, a Melara, tutti i milioni di euro che questa amministrazione ha speso in questi dieci anni nell’area di Pagliari, di Melara, di Cadimare e delle altre periferie ne sono la dimostrazione”.

Forse il capogruppo del PD non ha mai fatto un giro nei quartieri che ha menzionato, o forse addirittura non conosce neanche la loro reale posizione nella mappa della città.

Il grido di denuncia che si leva da tutti i quartieri periferici della nostra città è ormai quotidiano, basti dare un’occhiata ai giornali per capire in quale stato di degrado e abbandono vivono oggi le periferie.

Per questo ho chiesto una convocazione urgente della Commissione Controllo e Garanzia affinché l’amministrazione venga a illustrarci i dettagli ed il conto delle decine di milioni di euro spesi nelle periferie in questi anni così come dichiarato dal capogruppo del partito di maggioranza che ha governato in questi ultimi anni la nostra città.

Pietro Antonio Cimino – Capogruppo Fiammetta Chiarandini Sindaco per La Spezia

 

Advertisements
Annunci
Annunci