Cinque Terre Express, Berrino: “Polemiche del PD trite e ritrite”

GENOVA- “Le polemiche del Pd, che cavalca un ricorso al Tar presentato da una parte minoritaria e sempre più solitaria di oppositori, sono trite e ritrite, un disco rotto che suona note stonate. Questa amministrazione regionale è la prima ad aver dato voce ai pendolari, a dialogare con loro nell’ottica di un efficientamento del servizio. Se nelle Cinque terre il caos senza regole né controllo è un ricordo legato al passato e all’amministrazione del Pd è grazie alla scelta dell’Express, che assicura un collegamento ogni mezzora tra Levanto e La Spezia, da aprile a novembre: pura fantascienza quando la consigliera Paita si occupava di infrastrutture”.

Lo dichiara l’assessore regionale ai trasporti e al turismo Gianni Berrino in merito alle dichiarazioni del Pd sul servizio Cinque Terre Express. “L’ente Parco e i sindaci del comprensorio – continua l’assessore Berrino – riconoscono il miglioramento sostanziale del servizio visto che la scorsa estate non si sono verificati episodi da terzo mondo come nelle stagioni precedenti. Anche quest’anno, dal 1 aprile e fino al 1 novembre, avremo sulla tratta Levanto-La Spezia, dalle 7.55 fino alle 20,  46 collegamenti aggiuntivi ai 40 già in servizio. Inoltre, sempre nell’ottica di dare a pendolari e turisti servizi di accoglienza migliori, abbiamo ottenuto da Rfi investimenti sulle stazioni delle Cinque Terre, sulla sicurezza e sulla segnaletica per 20 milioni di euro. Dopo anni di immobilismo, anche nelle Cinque Terre il vento è finalmente cambiato, nell’interesse e per la valorizzazione di un territorio straordinario per troppo tempo lasciato al suo destino dalle giunte regionali a traino Pd”.

Advertisements
Annunci
Annunci