Valter Chiappini M5S: Paita e Michelucci dov’erano quando chiedevamo con forza alla regione di sbloccare i 14 trasferimenti dalla ASL 4 per l’emergenza influenzale?

Paita e Michelucci si scagliano contro il blocco dei trasferimenti per mobilità dei 14 infermieri che dalla ASL 4 hanno diritto ad avvicinarsi a casa venendo a lavorare alla ASL 5, ma quando mesi fa chiedevamo con forza alla regione di sbloccare i 14 trasferimenti dalla ASL 4, ben sapendo che sarebbero stati oro colato per affrontare la consueta “emergenza influenzale”, compensandoli con assunzioni a tempo determinato in quella ASL dove erano Paita e Michelucci? Non mi risulta siano stati loro a presidiare sistematicamente il San Bartolomeo durante la crisi e a ribadire quello che diciamo da quando loro comandavano in regione e, pure loro, nulla hanno fatto per rimediare. I trasferimenti sono priorità assoluta, vero, ma cercare di ridurre la situazione a questo problema è veramente vergognoso e fatto solo per coprire le loro colpe attaccando chi, oggi, le ha uguali. Ci aiutino, invece, a portare avanti la nostra proposta che ha ribadito Francesco Battistini anche nel dibattito in tv al “salotto del Signor Rossi”: aumentare stabilmente i posti letto dell’area medica utilizzando un reparto lasciato libero dalla Don Gnocchi assumendo definitivamente il personale medico ed infermieristico per gestirlo, invece della loro proposta di portare a Sarzana i posti letto di Levanto che altro non sarebbe che un banale trasloco di letti occupati.  ​Al di là della cronica carenza di posti letto e personale, che dovrebbe essere gradualmente superata e riallineata ai parametri disposti dalle norme, solo in questo modo si potrebbe evitare il continuo fenomeno degli appoggi di malati medici nei reparti di chirurgia che si acutizza durante l’influenza, ma che è problema cronico presente tutto l’anno. In questo modo si potrebbe ​altresì ​ potenziare l’attività degli interventi chirurgici di elezione con alcune nuove unità infermieristiche nel blocco operatorio cominciando ad attivare una sala operatoria tutti i pomeriggi e far rientrare risorse finanziarie che finiscono fuori ASL per innescare un reinvestimento sul nostro ospedale e puntare al rientro dell’utenza migrante, almeno quella che esce per i lunghi tempi di attesa e la carenza di posti letto e spazi operatori.  Da un calcolo approssimativo riteniamo che la nostra proposta, a fronte di un investimento di 1 – 1,5 milioni, possa fare rientrare dai 6 agli 8 milioni dei più di quaranta che oggi escono dal nostro territorio verso altri lidi​, cominciando ad invertire la tendenza che vede uscire risorse altrimenti investibili sul territorio stesso per potenziare i servizi e coprire il costo del personale e del potenziamento dei reparti.​
Attendiamo che l’ Assesore Viale dia risposta alla richiesta che abbiamo fatto a Novembre di presenziare ad un Consiglio Comunale sui temi delle difficoltà e gravi carenze del nostro territorio e capire se è disponibile a portare avanti la nostra proposta.

Valter Chiappini Consigliere comunale capogruppo M5S Sarzana​

Advertisements
Annunci
Annunci