Fivizzano, Museo della Stampa inagibile. Interrogazione della lista “Cambiamo adesso!”

FIVIZZANO- Il Museo della Stampa è una delle “aiole” più belle e significative del “Giardino letterario e culturale” della Lunigiana. Sono parole attinte agli scritti del prof. Loris Jacopo Bononi, ideatore e creatore, insieme al fratello Eugenio, del museo, che ha sede nel palazzo Fantoni–Bononi, costruito da Terenzio Fantoni tra il 1664 e il 1667 e da loro stessi restaurato.
C’è chi lo ritiene un’opera di “riverbero mondiale”, in quanto vi si possono ammirare i primi libri stampati in Italia da Jacopo da Fivizzano coi caratteri mobili, a dimostrazione che Fivizzano è “una vera capitale della cultura del libro, della stampa e della comunicazione scritta”.
Nel museo, inoltre, sono documentate l’antesignana della macchina da scrivere, realizzata da Agostino Fantoni, e l’attività editoriale di Emanuele Maucci. Insomma, un “omaggio e un viaggio” nel passato, nella storia, nelle radici non solo di Fivizzano, ma anche un richiamo, nell’ultimo decennio, per moltissimi visitatori provenienti da ogni dove, a beneficio della comunità.
Purtroppo l’ultimo evento sismico ha reso inagibile il palazzo e provocato la chiusura del Museo. Ma può una attrattiva, un luogo di cultura così importante, rimanere inutilizzato, a distanza di anni dal terremoto?
Si dice della presenza di ostacoli a ripristinare l’agibilità del palazzo e a riscrivere la convenzione tra la proprietà ed il Comune. Ma si è fatto tutto il possibile per rimuoverli?
E’ questo l’interrogativo che, con spirito costruttivo, la Lista Cambiamo Adesso! pone al sindaco e all’amministrazione, suggerendo, nel contempo, di valutare l’opportunità di costituire una commissione che affronti il problema in tutti i suoi aspetti. Un simile gioiello non può rimanere oscurato più a lungo.
Nella stessa commissione – conclude la Lista – o nel modo che l’amministrazione riterrà più adatto, nel frattempo, potrebbe essere ripresa, studiata, precisata, riproposta, valutata l’idea di un “Concorso nazionale della stampa <Jacopo da Fivizzano>”, che era nelle intenzioni dei fratelli Bononi realizzare”.

Per tali motivi, Cambiamo Adesso! ha presentato un’interrogazione al consiglio comunale di Fivizzano, chiedendo cosa sia stato fatto per ripristinare l’agibilità del palazzo e riscrivere la convenzione tra la proprietà ed il comune, suggerendo, nel contempo, di valutare l’opportunità di costituire una commissione che affronti il problema in tutti i suoi aspetti.

(Alberto Bonfigli)