Shopinn Brugnato. Filcams Cgil: “Diritti negati e ricatti occupazionali. Vogliamo occupazione di qualità”

BRUGNATO-  Diritti negati e ricatto occupazionale. E’ questo che emerge dalla situazione lavorativa di Shopinn a Brugnato secondo la Filcams CGIL della Spezia che, questa mattina, ha operato un primo volantinaggio in tutti i negozi dell’Outlet. “Nonostante il clima di paura che si respira, molte lavoratrici e lavoratori si rivolgono ai nostri uffici– dicono Luca Comiti, segretario provinciale e Marco Lattanzio, segreteria provinciale FILCAMS CGIL- denunciando la non corretta applicazione dei contratti e l’abuso di voucher: ci sono situazioni in cui un quarto livello dirige un negozio, con tutti gli oneri del caso, e addirittura lavoratori inquadrati come autonomi. Ed il contesto generale racconta il mancato rispetto di orari di lavoro, ferie, permessi e riposi settimanali.

E’ indubbio che l’Outlet ha portato occupazione sul territorio e non vogliamo nemmeno generalizzare, ma la situazione complessiva è questa- concludono i sindacalisti- noi vogliamo non solo occupazione, ma una occupazione di qualità, rispettosa delle regole e dei diritti. Auspichiamo che la proprietà della struttura controlli quello che succede nei negozi anche dal punto di vista delle condizioni dei lavoratori. Come sindacato continueremo a vigilare e denunciare. Inoltre, ogni mercoledì la nostra sede SPI CGIL di Brugnato, in via Briniati 26, sarà a disposione di tutte le lavoratrici e di tutti I lavoratori di Shopinn che avranno bisogno del nostro supporto. Molti di loro non conoscono I loro diritti, come quelli che riguardano la maternità o la corretta applicazione di ferie, permessi e festività. La CGIL è pronta a supportarli e difenderli”.

 

Advertisements
Annunci
Annunci