Le Grazie, 48 temerari sfidano il freddo nel tradizionale “cimento di Ria”

PORTO VENERE- Ben 48 temerari, ma il numero poteva essere ben più alto perché una decina di storici “presenti” all’evento quest’anno è stata bloccata dall’influenza, la mattina del primo gennaio si sono tuffati, alle Grazie, per salutare il nuovo anno con una manifestazione corale e di buon auspicio
Si tratta del Cimento di Ria, giunto all’ottava edizione che comunque ha migliorato il proprio record di presenze.
Con la temperatura dell’acqua a 13 gradi e la temperatura esterna di 10 gradi, ma accolti da un bel sole i partecipanti hanno dato vita alla ormai tradizionale iniziativa, aperta verso le 10 dalla “corsa dei Babbi Natale” che con andatura tranquilla hanno raggiunto Porto Venere per poi tornare alle Grazie. Alle 12 vi è stato lo sparo dei cannoni a salve del 5°REMO e il tuffo, o meglio la “spanciata” di Babbo Natale che hanno dato il via al tradizionale cimento di Ria. Numerosa la presenza di pubblico sulla spiaggia, poi per tutti vin brulè, cioccolata calda e panettone con la straordinaria organizzazione della Pro Loco Le Grazie.
Advertisements
Annunci
Annunci