Festa degli alberi, ora l’Amministrazione punta sul verde pubblico.

LA SPEZIA- Oggi, 21 novembre, si celebra la Festa degli alberi. La data del 21 novembre venne stabilita nel 1951 dal Ministero dell’Agricoltura e delle Foreste, ma le origini risalgono al 1898. La festa venne poi istituzionalizzata nel 1921. Dal 2013, infine, ha acquistato nuova linfa.

Nella nostra città l’Amministrazione l’ha celebrata piantando simbolicamente tre alberi (tre frassini) in altrettante scuole: il primo nel giardino del “2 Giugno”, il secondo in quello della scuola primaria “Enzo Venturini” di Via Bologna e l’ultimo presso la scuola media “Fontana” al Canaletto.

E in quest’ultimo complesso si è svolta la celebrazione più imponente, perché la “Fontana”, ci ha raccontato la professoressa Cristina Mazzolani (insegnante di Lettere in II A) da tempo è impegnata nella tutela dell’ambiente e nell’educazione al rispetto degli alberi. Dal 2009 la scuola ha “adottato” il sentiero della Lobbia (nei pressi della Pieve di Sanvenerio), di cui si occupano personalmente i ragazzi e ospita un Orto in condotta, dove gli alunni coltivano la terra e che dà frutta e ortaggi.

L’agronomo del Comune Marco La Mantia e il vice sindaco Cristiano Ruggia che hanno presenziato alle cerimonie assieme ad esponenti del LABTER, del Tavolo del Verde e del Corpo Forestale dello Stato, hanno sottolineato l’importanza degli alberi e assicurato che, a partire dalle prossime settimane, il Comune procederà alla piantumazione di 2500 alberi. Ben 1800 di questi sono destinati alla Palestra nel verde del Monte Parodi (che, ultimamente, di “verde” aveva ben poco) e i restanti 700 in varie zone della città, tra cui proprio il cortile della “Fontana”, semi-spogliato dal taglio di numerosi pioppi negli anni scorsi.

Sempre La Mantia ha assicurato anche una maggiore attenzione alle ceppaie abbandonate dopo i tagli: come avevamo già segnalato, al Parco della Maggiolina spesso vengono usate come “trampolino” per i salti dai bambini e possono diventare pericolose.

Ovviamente ogni operazione che riguarda gli alberi sarà attentamente monitorata dai componenti del Tavolo del Verde che, sostanzialmente, si dicono soddisfatti, seppur ancora “critici attenti”, per questa (almeno apparente) inversione di tendenza dell’Amministrazione, considerata, con un eufemismo, poco attenta al verde pubblico.

Advertisements
Annunci
Annunci