Appello “Il NO di chi vuol bene all’Italia”

In questi giorni, in tutto il Paese, si moltiplicano documenti e appelli di iscritti ed elettori del PD per il No al Referendum sulla Riforma Costituzionale.  Il Comitato “La Spezia per il NO” è stato uno dei primi a costituirsi sul territorio nazionale e a raccogliere la sottoscrizione di tanti nel PD e fuori dal PD che sono fermamente convinti delle ragioni di merito del NO; per il territorio spezzino sono state individuate le figure di Federica Paganelli e Alessandro Biggi per il coordinamento con le altre realtà territoriali.
Numeorosi sono stati i sottoscrittori autorevoli, impegnatisi fin da subito per aiutare a fare rete fra tutti i territori. A seguire tanti in giro per le regioni italiane hanno costituito comitati di “Democratici per il NO”, attraverso i quali è stata creata una vera e propria rete nazionale che li raccoglie tutti; forte infatti è stata avvertita l’esigenza di far sentire anche nel Partito la propria voce per il NO in modo tale che sia riconosciuta come legittima, nel rispetto e nella dignità del pensiero di molti militanti che convintamente vogliono difendere la nostra Costituzione da questa riforma.
Dopo “Democratici per il NO” da Roma hanno fatto seguito Milano, i comitati umbri, Modena e altre decine di appelli locali spontanei, tutti votati all’ obiettivo di portare alla luce le ragioni di chi, iscritto ed elettore convinto del PD, ritiene con altrettanta convinzione che la Riforma proposta nel Referendum vada nella direzione sbagliata, non migliori il funzionamento delle istituzioni e, insistendo sul centralismo dello Stato e la supremazia del Governo sugli altri poteri democratici, prepari il terreno per l’affermazione della destra populista.
I promotori di questo messaggio, firmato da iscritti ed elettori del Pd, si inseriscono nel movimento dal nome emblematico: “Il NO di chi vuol bene all’Italia”, vengono da molte province, sono impegnati a diversi livelli nel PD e/o ne sono elettori esigenti ed informati. Pensano al PD come un partito inclusivo e pluralista. Sono di sinistra senza particolari affiliazioni, molti hanno seguito e seguono con attenzione il lavoro di Gianni Cuperlo nel partito, altri no, stanno nelle associazioni, nei sindacati, nel volontariato. Tutti pensano che il PD debba continuare a governare il paese, che la Costituzione sia pensata per i tempi lunghi della vita dell’Italia e per tutti i suoi cittadini, soprattutto quelli che verranno. Pensano che le scelte sulla Costituzione vadano separate dai destini di un Governo e di un leader. Tutti si aspettano che il cinque di dicembre, comunque vada, meglio se dopo un No del popolo ad una riforma sbagliata, il PD pensi al molto che non va nella societa’ italiana, a riformare le riforme sbagliate e a ricostruire un centrosinistra nuovo che convinca il paese.
Per adesioni e informazioni:
Mail: volerbeneallitalia@gmail.com
Facebook: @volerbeneallitalia
Advertisements
Annunci
Annunci