Le ragazze della signora Rosa, un fantasy del carrarese Lorenzo Tenerani

Un’anomala e discussa amicizia tra Rosa Spagnoli, donna sfuggente e scontrosa dall’età incerta, debitamente evitata da tutti, e Giacomo Sartorini, un giovane ventiduenne come moltissimi altri, spensierato e amante della propria comunissima esistenza. Un’amicizia la loro, che, per quanto additata e osteggiata dai più, resiste nella sua idilliaca complicità, almeno fino a quando Giacomo non decide di andare a fondo sulle maldicenze che ruotano attorno alla signora, arrivando a scoprire quelli che sono, o forse sembrerebbero, gli agghiaccianti retroscena di una vita che, dietro un’apparenza insulsa e a tratti autolesionista, tra miseria e solitudine, nasconde una faccia oscura, che orbita tra la perversa prostituzione, il vizio e il libidinoso desiderio, nelle loro vesti più vili e becere, e dove la regola è non avere regole.

Le ragazze della signora Rosa di Lorenzo Tenerani è pubblicato dalla Casa Editrice Kimerik

Lorenzo Tenerani nasce a Carrara il 24 giugno del 1973. Il 15 aprile del 1997 nasce il primo figlio, Nicolò, che ispirerà la sua prima opera, Fenomeno di Cuore, stampata in sole tre copie e rimasta a uso esclusivo dei componenti della sua famiglia. Il 21 agosto del 2006 nasce la seconda figlia, Beatrice, e a dicembre del 2011 pubblica con la Casa Editrice Kimerik il suo primo vero libro, La Compensazione, un romanzo di fantasia, intenso e appassionante, con il quale esce allo scoperto per confrontarsi con i lettori. Sempre con la Kimerik, nel 2013, pubblica il secondo libro, Geminix, romanzo con il quale reinterpreta il genere dark-fantasy mescolandolo con il thriller, il genere apocalittico e la letteratura mistica. Nel 2015 pubblica la sua terza opera, Il tempo del cinema Garibaldi, con la quale reinterpreta in modo molto personale la fin troppo sviscerata letteratura dei viaggi nel tempo, mostrando l’ennesima sfaccettatura della sua sfrenata fantasia. Con Le ragazze della signora Rosa intraprende una nuova, ma non per questo meno affascinante, sfida.

Advertisements
Advertisements
Advertisements