Guerri: “sempre più dilaganti i disagi e i rischi sanitari sul fronte della raccolta-rifiuti”

LA SPEZIA- Il consigliere comunale Giulio Guerri, capogruppo della lista civica “Per la Nostra Città” ha presentato una nuova mozione a carattere urgente in merito alle dilaganti problematiche igienico-sanitarie connesse alla raccolta dei rifiuti in città.

“L’attuale sistema di raccolta dei rifiuti nel Comune della Spezia è un fallimento. Oltre ai disagi connaturati a questo sistema (che obbliga gli utenti ad ammucchiare i rifiuti in casa e a esporli sulla pubblica via per la gioia di topi e gabbiani), ogni giorno i cittadini devono subire criticità insopportabili, dovuti alla presenza di cumuli di rifiuti a terra, vuoi per sistematici abbandoni irregolari di spazzatura vuoi per il periodico mancato rispetto delle date e degli orari di ritiro dei rifiuti. Situazioni incresciose che si ripetono sistematicamente, esponendo la città a gravi criticità igienico-sanitarie tendenti a sfociare nell’emergenza ed evidenziando, così, le gravi disfunzioni di un servizio pagato sempre più a caro prezzo dai cittadini per avere in cambio uno scenario nel quale le iniquità (dovute agli spropositi tariffari e anche alla scelta di applicare prestazioni di servizio diseguali da palazzo a palazzo), la mancanza di vantaggi ambientali e il non proficuo utilizzo della forza-lavoro a disposizione sono dato quotidiani, sotto gli occhi di tutti. Si tratta di disfunzioni che investono sia la fase organizzativa sia quella del controllo.

Per fare fronte a questa condizione di crescente degrado urbano, Guerri chiede interventi volti a tutelare i cittadini sia sul piano della prevenzione sia sul piano finanziario. “Nei luoghi dove il Comune sa – e non può non sapere, viste le ripetute segnalazioni – che ogni giorno tendono a formarsi microdiscariche devono essere installate videocamere che permettano di contrastare efficacemente comportamenti irregolari e incivili. E al tempo stesso ai cittadini ai quali non viene ritirata la spazzatura nei tempi previsti devono essere detratte dalla Tari le somme corrispondenti ai giorni di mancato svolgimento del servizio“.

Advertisements