Spezia, le palle… girano! (Una lasagna indigesta per i 110 anni aquilotti)

LA SPEZIA– Dopo la prima vittoria in trasferta, purtroppo è arrivata anche la prima sconfitta interna al “Picco” per lo Spezia, tanto per cambiare ad opera del solito Carpi: tenace, aggressivo, ostruzionistico, sempre col marchio del suo allenatore Castori. Imbottito di ex, alcuni ancora rimpianti vedi su tutti Lollo e Catellani, quest’ultimo fresco ex. E così gli emiliani vincono al “Picco” col minimo sforzo, dopo che nel primo tempo sono erano stati gli aquilotti a sfiorare il vantaggio per diverse volte. I ragazzi di Mimmo hanno cercato di ripartire ma dopo la rete di Lasagna, è stata una ripresa poco lucida e forse troppo smaniosa. Il miglior primo tempo della stagione al “Picco” non ha purtroppo portato reti e così tanto sforzo e poca finalizzazione. Peccato perché si festeggiava nell’occasione il giorno di nascita del club aquilotto: 10 ottobre 1906 una data che tutti i tifosi spezzini ricordano, quest’anno poi sono centodieci anni. Bellissima la mostra di questi giorni in via Chiodo presso i locali della Fondazione. Noi come già detto lanciamo l’idea: avere un piccolo museo permanente che ripercorra gli anni di storia del club calcistico della nostra città. Come altrettanto bella la coreografia della curva “Ferrovia” ad inizio gara, per l’occasione, finalmente con anche i pali rimossi in settimana.

A questo punto che pensare alla prossima trasferta ad Avellino e riprendersi più punti possibili a questa immeritata sconfitta interna. Forza ragazzi!

(Cristiano Sturlese)

Advertisements
Annunci
Annunci