Aulla: chiudiamo con il passato, servono uomini liberi

AULLA – Dopo il commissariamento del comune di Aulla a seguito della sfiducia al sindaco Silvia Magnani, sottoscritta da nove consiglieri comunali, compresi anche alcuni della stessa maggioranza, il segretario della Circoscrizione Lunigiana Lega Nord Giuliano Novelli, capogruppo in consiglio comunale a Fivizzano, interviene sulla situazione politica aullese.

“Bando alle chiacchiere, notai, sfiducie, ritorsioni, vendette, parliamo di cose concrete che interessano i cittadini – esordisce Novelli. Chi è favorevole alla costituzione di un grande comune della Lunigiana in grado di competere con Massa e Carrara dopo l’abolizione delle province?”

“Quale erano le cose principali che faceva la provincia?  Aveva le competenze su strade e scuole. Cosa c’è di più disastrato dopo l’abolizione delle province? Le strade e le scuole – domanda e fornisce le risposte il segretario della Circoscrizione Lunigiana Lega Nord. Le competenze sono passate alle regioni, le quali non le hanno trasferite ai comuni, tutto nel limbo, nessuno interviene e tutti dicono che non ci sono soldi”

“E’ ora di passare dalle chiacchiere ai fatti – ben deciso a farlo Giuliano Novelli. Sono stanco di sentirmi dire: vediamo dopo il referendum costituzionale, non è ancora il momento, la politica ha i suoi tempi”.

“Chiedo che si faccia il referendum in concomitanza con le elezioni di Aulla – propone Giuliano Novelli -, lo si faccia anche a Fivizzano dove il consiglio comunale si è espresso già favorevolmente, e si chieda, senza dare la sensazione di annessione a Casola, Podenzana e Comano, se ci stanno a creare un grande comune interlocutore della Regione Toscana e competitivo con Massa e Carrara. Daremo voce alla volontà popolare visto che in Italia non è più ascoltata da nessuno”.

“L’ora delle chiacchiere è finita – dichiara perentorio il segretario della Lega Nord -, non si vada contro la volontà dei cittadini e non si strumentalizzi il tutto per interessi personali; non si giochi sul progetto Lunigiana, dopo aver visto cadere la giunta di Aulla sul Piano Regolatore Generale (PRG), sulla spartizione dei metri cubi da edificare, chi li gestiva, chi erano i dirigenti che davano le carte”.

Ribadisco – conclude il segretario della Circoscrizione Lunigiana Lega Nord Giuliano Novelli – che per Aulla servono uomini liberi, che facciano veramente gli interessi dei cittadini aullesi”.

articolo di Alberto Bonfigli

Advertisements
Annunci
Annunci