Le maschere del senso di Roberto Caracci alla libreria LIBeRI TUTTI

LA SPEZIA- Venerdì 23 settembre alle ore 19 alla libreria Liberi Tutti presentazione del libro Le maschere del senso di Roberto Caracci.

Il senso dell’esistere: ci poniamo ancora oggi questa domanda, o la troviamo obsoleta? Eppure la domanda di senso può bussare alla porta in ogni momento della nostra vita, più o meno inconsciamente, quanto più crediamo di averla rimossa, omologati al moderno nichilismo del non-senso o del senso pluralizzato.
Ma sono l’assillante percezione del tempo, il baluginare del pensiero della morte, e la stessa stupefacente assurdità del rinascere ogni attimo, a svegliarci dal letargo del senso, un oblio teleologico che sembra più tenace dell’oblio ontologico di cui parlava Heidegger. E la memoria del senso estremo, o della sua domanda, viene neutralizzata ed esorcizzata dal carnevale delle maschere degli scopi “qualunque”, degli obiettivi a breve termine e a ogni costo, che ammortizzano l’angoscia, ma anestetizzano anche il pensiero, ne incatenano il libero e rischioso volo.

Un libro radicale e demistificante che, memore delle Operette morali di Leopardi e della Genealogia della morale di Nietzsche, prova a stanare le mille finzioni e rimozioni che l’uomo moderno mette in campo per “non pensare” al senso ultimo, e vivere un’esistenza narcotizzata e distratta, nel segno del divertissement, di pascaliana memoria, e della polverizzazione del senso e del suo insondabile mistero in “ragioni per vivere”, o sopravvivere.

Roberto Caracci, narratore e saggista, vive e lavora a Milano. Ha pubblicato volumi di narrativa e con Moretti&Vitali un intervento sulle Operette morali di Leopardi in Aa.Vv. , In nome della Grande Madre, il saggio di critica poetica Epifanie del quotidiano, 2010, Il Ruggito del Grillo. Cronaca semiseria del comico tribuno, 2013.
Si occupa di filosofia e psicoanalisi. Ha tenuto conferenze sulla narratologiadel sogno e sul pensiero moderno, da Bergson a Nietzche, da Freud a Severino. Dirige da vent’anni un noto Cenacolo letterario-filosofico a Milano, il Salotto Caracci. E’ direttore della collana narrativa Echi dal Labirinto, Moretti&Vitali. Collabora, tra le altre, alla rivista Qui-Libri.

Advertisements
Advertisements
Advertisements