IN FUMO 20 ETTARI DI BOSCO E MACCHIA MEDITERRANEA A BRUSCAROLO. FIAMME ANCHE A ZIGNAGO

CALICE AL CORNOVIGLIO – Ancora fiamme in Val di Vara, con due canadair giunti da Genova che, coordinati dagli agenti della Forestale di Borghetto Vara, per tutta la giornata hanno fatto la spola tra la diga foranea e il monte Alpicella, sopra la frazione di Bruscarolo – nel comune di Calice al Cornoviglio – dove, dalle 11 circa di questa mattina, un nuovo vasto incendio ha nuovamente tenuto impegnati uomini e mezzi. Un ampio fronte di fuoco alimentato dal forte vento che, fortunatamente, non ha minacciato alcuna abitazione, ma che ha mandato in fumo 20 ettari di bosco e macchia mediterranea. Ad aggredire il rogo da terra una squadra di Vigili del Fuoco del Distaccamento provinciale di Brugnato, con cinque unità e due mezzi, supportata dai volontari dell’Antincendio boschivo dei Gruppi comunali e Associazioni di Protezione Civile di Ameglia, La Spezia, Porto Venere, Associazione “Alpicella”, Soccorritori “Montebello” e “Hermes Radio Club” insieme ai colleghi lombardi convenzionati con Regione Liguria – d’istanza presso la caserma della Forestale di Borghetto Vara – supportati da un elicottero, giunto anch’esso dal capoluogo ligure; che per tutta la mattina ha gettato acqua prelevata da una vasca idrica situata in località Pietre Bianche. Le operazioni di bonifica e monitoraggio sono andate avanti per tutto il pomeriggio e questa sera si continuerà a monitorare il versante, per scongiurare un’eventuale ripresa dei focolai.

Definitivamente domato, invece, un secondo incendio divampato intorno all’1.50 della scorsa notte nel territorio di Zignago, sul quale hanno continuato ad operare tutto il giorno per la bonifica i volontari dell’Antincendio boschivo dei Gruppi comunali e Associazioni di Protezione Civile di Ameglia, Sarzana, Ortonovo, Riccò del Golfo e Prociv “Arci Val di Magra”.

Il fuoco, in entrambi i casi, sarebbe stato appiccato deliberatamente da un piromane.

FRANCESCO MUNARI

Advertisements
Annunci
Annunci