Col parcheggio di Piazza Europa abbiamo acquistato o perso posti auto? È “guerra di cifre” tra Amministrazione e Comitati

LA SPEZIA– È guerra di cifre tra Amministrazione e Comitati sul numero dei posteggi in centro dopo l’apertura del parcheggio di Piazza Europa. Questa mattina il capogruppo PD Luca Liguori ha smentito Associazioni e Comitati, dichiarando alla stampa che con il nuovo parcheggio la città ha un numero maggiore di posti auto. (dichiarazioni). Non s’è fatta attendere la risposta dei Comitati.

È evidente che per il Consigliere capogruppo del PD Liguori la matematica permette anche di sommare le rape con le patate. Purtroppo a scuola ci hanno insegnato che non si può fare… E dunque per fare correttamente i calcoli è bene sempre sommare i parcheggi blu (a rotazione) con i blu e i gialli (residenti) con i gialli. Comunque facciamo notare che se il Consigliere voleva presentare un saldo di parcheggi ancora più in attivo avrebbe potuto aggiungere nella sua somma anche i parcheggi delle Terrazze e magari quelli della Pineta di Marinella… Ci avrebbe sbalordito tutti… Così come, prendendo per buone le dichiarazioni del Sindaco Federici , che fino a prova contraria non fa parte di nessuno dei nostri comitati, sbalordisce sentir dire che in piazza Europa abbiamo “persino” guadagnato qualche decina di parcheggi.
Quanti? 30? Al costo di 233.333,333333 (periodico) ad auto?
20? Al costo di 350.000 cada uno?

Forse per il PD,  la matematica può essere messa al servizio della politica. Purtroppo per i cittadini, che alla fine devono pagare, la matematica è quella imparata a scuola… Quella delle addizioni e sottrazioni….

E quella matematica dice che un’opera costata 7.000.000 di euro, che non fa guadagnare posti auto o, andando a cercare anche quelli recuperati dalla sparizione di qualche cassonetto, (sparizione peraltro pagata a caro prezzo visto il sudiciume che si vede in questi giorni in città) ne fa guadagnare una decina è un’opera assurda che solo una amministrazione approssimativa e poco lungimirante poteva fare! Dunque è bene che i cittadini sappiano.

Sappiano che a breve i parcheggi di Piazza Bayreuth non saranno più usufruibili né a pagamento di giorno, , né gratuitamente di notte, perché diventeranno gialli. Per parcheggiare si dovrà andare nell’interrato di Piazza Europa, pagando alla Camera di Commercio spezzina o a chi gestirà in seguito la struttura la sosta oraria (anche la notte).
Sappiano che i parcheggi che troveranno di sotto non saranno 260 (come detto dal Consigliere Liguori), ma trenta in meno. Sappiano che, perdendo la municipalizzata “Mobilità e Parcheggi” oltre 400.000 euro dalla sparizione di tutti i parcheggi in superficie, è molto probabile che quella cifra verrà recuperata sulle nostre spalle tramite un ritocco delle tariffe.

Sappiano anche (già che ci siamo) che esiste una normativa dettata  dalla circolare (prot. N° 1712 del 30.03.2012) del Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti, che dice  che  devono esserci parcheggi liberi (cioè bianchi) nelle vicinanze delle strisce blu. In caso di violazione di detta norma, i verbali eventualmente notificati sono da considerare illegittimi.

Naturalmente l’amministrazione spezzina si disinteressa da sempre di questa normativa; anche ultimamente, per dar modo ai mezzi pubblici di transitare in Viale Italia, ha fatto incetta di parcheggi liberi (bianchi )… peraltro rari, più dei Colibrì dalla coda lunga, in quasi ogni quartiere o Viale della città. Terminiamo  comunque ribadendo al Consigliere Liguori che se vuole contestarci numeri o affermazioni da noi dette lo può fare in qualsiasi momento in un dibattito pubblico o nelle sedi istituzionali dovute. Quelle nelle quali noi ci siamo presentati lo scorso 21 Giugno e  la nostra amministrazione no. Se per caso però qualcuno volesse davvero porre fine a questa querelle su Piazza Europa decidendo di rispondere pubblicamente alle nostre domande noi siamo sempre disponibili… Magari in quella sede ci piacerebbe prendere visione anche del collaudo effettuato lo scorso 25 Luglio della piazza e della sua  relativa agibilità, visto che anche in merito alle specifiche tecniche dell’opera le classificazioni e i numeri relativi paiono essere divenuti una opinione.

Massimo Baldino (Comitato Piazza Verdi)

Pierpaolo Bracco (Comitato Cernaia)

Rita Casagrande (Quartieri del Levante)

Spezia Attiva e Associazioni

 

Advertisements
Annunci
Annunci