Io SocCORRO, la App che salva la vita

LA SPEZIA- È stato presentato questa mattina, nella sala riunioni del 118 in via Mario Asso,”ioSocCORRO- l’App che salva la vita“, idea imprenditoriale che nasce dall’esperienza del progetto Salvamento Academy, che ha come obiettivo quello di diffondere la cultura del primo soccorso nella comunità, coinvolgendo volontari e Organizzazioni professionali.

Premessa: in Italia ogni giorno muoiono 200 persone per attacco cardiaco extraospedaliero, anche in assenza di patologie cardiache. Ogni minuto che passa la possibilità, per chi ha un attacco cardiaco, di sopravvivere, cala del 10%. È quindi fondamentale intervenire nei primi 10 minuti, meglio ancora nei primi 4 (dopo il 4° minuto inizia il danno cerebrale): anche se allertato immediatamente, il 118 impiega alcuni minuti per giungere sul posto, quindi la mortalità è altissima. Si stima che almeno il 75% degli adulti colpiti da attacco cardiaco potrebbe sopravvivere grazie a un defibrillatore.

Obiettivo: creare una rete di volontari, addestrati all’uso del defibrillatore, in grado di intervenire entro i 4 minuti, in attesa del 118.

Se si è in compagnia di una persona vittima di attacco cardiaco, la prima mossa da effettuare è chiamare il 118. In questo caso, l’operatore del 118 proverà a mandare un messaggio ai volontari che si trovano in zona e che hanno dato, per quel giorno, la loro disponibilità. Il volontario non ha l’obbligo di rispondere alla chiamata; se non risponde, non avrà ripercussioni legali. Su questo punto il professor Mazzotta, che si è detto disponibile a collaborare al progetto, ha suggerito la possibilità di far firmare un consenso informato a volontari, ASL e Associazione che si occupa del progetto per sollevare completamente il volontario se non interviene.
Al volontario reperibile arriverà il messaggio di emergenza, con le indicazioni per raggiungere il luogo nel minor tempo possibile.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Aspettative: si stima che il corretto funzionamento di questo progetto porterà a un risparmio di 27 miliardi di euro ogni anno, più le spese di terapia intensiva,che costa mediamente 3500 euro al giorno.

www.iosoccorro.it
www.salvamentoacademy.it
www.pulserescue.com

Advertisements
Annunci
Annunci