Pucciarelli (Lega Nord):’attendo da mesi il risarcimento da parte del Comune di La Spezia per la revoca dell’ affitto della sala Beghi’

LA SPEZIAStefania Pucciarelli (Lega Nord): «Era il 9 febbraio quando la Giunta del Comune della Spezia deliberò la revoca della sala Beghi da me prenotata per un evento commemorativo sulle Foibe. Oggi, all’amarezza di aver constatato purtroppo come La Spezia sia ancora ostaggio e vittima dell’estremismo della peggiore sinistra, si aggiunge il fatto che nonostante ripetuti solleciti scritti e verbali non mi sia stato ancora risarcito il pagamento della sala in questione da me non utilizzata. Sono così vuote le casse del comune da non riuscire a riconsegnare 170 euro alla sottoscritta?».
Non si tratta di cifre esorbitanti, ma di soli 170 euro, eppure, da febbraio scorso il comune di La Spezia deve risarcire il consigliere regionale della Lega Nord Stefania Pucciarelli per l’affitto della sala Beghi.

«Non riesco a crederci – dice Pucciarelli -, ma a quanto pare il comune di La Spezia nelle sue casse non ha neppure 170 euro per risarcirmi. Forse, è tanto povero da essere costretto ad utilizzare il denaro destinato ad un importante incontro sugli italiani morti nelle foibe o fatti esuli dal regime comunista di Tito?». Il consigliere in questi mesi ha effettuato ripetuti solleciti scritti e verbali senza ottenere alcuna risposta.

«Sembra di parlare ad un muro – aggiunge -. Mi pare davvero paradossale che debba fare solleciti per avere un legittimo risarcimento di pochi euro. Quindi, all’amarezza di aver constatato purtroppo come La Spezia sia ancora ostaggio e vittima dell’estremismo della peggiore sinistra, si aggiunge il mancato pagamento da parte del comune spezzino. A febbraio si è manifestata la volontà da parte del comune, e delle forze che lo gestiscono, di tenere controllata la narrazione dei fatti avvenuti in quel non troppo lontano passato, e cioè di fatti criminali scomodi per la loro connotazione politica. A giugno invece si è manifestata la mancanza del comune di restituire il denaro ad un consigliere che aveva a cuore solo il ricordo dei nostri morti nelle foibe».

Advertisements
Annunci
Annunci