Gli Itaca da Berlino a “Bacchus” sabato 11

LA SPEZIA- Secondo di una serie di live che intratterrà gli avventori dell’osteria Bacchus per tutti i sabati di giugno ed una delle proposte più alternative presentate in questi anni. Direttamente da Berlino arriva la new-italo degli Itaca ovvero Ossi Viola (Berlin Kreuzberg, voce e basso) e Lo Selbo (Berlin Karlshorst, voce e syntheziser).

Cantano l’odissea, si sono incontrati per la prima volta nel quartiere di Portonaccio, in una chiesa. Allora Ossi viveva a Roma, dove studiava musica sacra. Lo Selbo si recava a Roma di frequente per terminare la sua biografia di Celentano, ancora non pubblicata. Poco più tardi divennero una coppia e iniziarono a cantare insieme negli Itaca. Sebbene i due vivano e lavorino a Berlino, hanno deciso di cantare nella lingua del loro primo incontro. Gli Itaca hanno svillupato uno stile musicale influenzato dai cantautori italiani degli anni 70 (Battisti, Battiato, Dalla), dall’Europop degli 80 (Yazoo, Human League) e dall’Avant-Electro del nuovo millennio (The Knife, Animal Collective). Si collocano da qualche parte nel cammino tra Chrisma e gli Al Bano e Romina Power.
La new-italo degli Itaca canta d’amore ed entra nella città con atmosfere scure e oniriche. Con un’estetica tra David Lynch e i Krisma,  Sembrano usciti dagli anni ’80. Dicono che vogliono per forza salire sul palco di Sanremo a mo’ ‘cavallo di Troia.

Advertisements
Annunci
Annunci