Liguria da Bere 2016 – dal 17 al 19 Giugno dalle 18 alle 24 Centro storico della Spezia

LA SPEZIA– L’11° edizione di Liguria da Bere 2016, quest’anno, cambia data: si svolgerà da venerdì 17 a domenica 19 Giugno. La manifestazione, come consuetudine, darà avvio all’estate spezzina e animerà le vie del Centro storico della città. Lungo Corso Cavour fino a Piazza Beverini saranno allestiti gli stand dei viticoltori che presenteranno la migliore selezione enologica della Liguria e le eccellenze agroalimentari; spazi espositivi aperti, per tre giorni dalle ore 18 alle 24. Venerdì 17 si aprirà con la cerimonia d’inaugurazione. L’evento è organizzato dall’Azienda Speciale CCIAA Riviere di Liguria, Manifestazione Fieristiche e Formazione Imprenditoriale con il sostegno della Regione Liguria, Assessorato Agricoltura, della Camera di Commercio Riviere di Liguria, da Unioncamere Liguria, in collaborazione con il Comune della Spezia, l’Enoteca regionale della Liguria e l’Associazione italiana sommelier.

liguria

Liguria da Bere è l’evento che meglio rappresenta le vocazioni del territorio del Levante Ligure, La Spezia, infatti, rappresenta la prima provincia ligure per la produzione vitivinicola che, da sola, corrisponde alla metà circa dell’intera produzione regionale.

Esaminando in dettaglio le produzioni Dop possiamo dire che, nell’area Colli di Luni, la d.o.p. “Colli di Luni Vermentino” si conferma come la più significativa: nell’anno 2014 sono stati certificati 6189,56 hl con un aumento rispetto al dato relativo all’annata precedente del 8,23%. Nel periodo compreso tra il 1° gennaio e il 31 dicembre 2015 il “Colli di Luni” certificato ha raggiunto un totale di 8430,23 hl. Nel stesso 2015 sono stati certificati 2221,68 hl di DO “Cinque Terre e Cinque Terre Sciacchetrà” e 539,29 hl di DO “Colline di Levanto”.

«Liguria da Bere, vetrina della eccellenze del territorio, ci permette di sottolineare, ancora una volta l’importanza che riveste il settore vinicolo nella nostra provincia – ha affermato Alessandro Ravecca, presidente dall’Azienda Speciale Manifestazione Fieristiche e Formazione – Anche i dati di produzione del 2015 confermano, infatti, che nel Levante si produce oltre il cinquanta per cento del vino ligure. Le nostre DOC sono un fiore all’occhiello, un vero biglietto da visita per il territorio e un potenziale volano per l’economia locale anche in termini di attrattiva turistica”.

La viticoltura nella nostra provincia è un patrimonio inestimabile – ha spiegato Ilario Agata, direttore dell’Azienda Manifestazione Fieristiche e Formazione Imprenditoriale – per questo ogni anno ci impegniamo a promuoverla, riscontrando un forte interesse da parte degli imprenditori. In qualche modo, Liguria a Bere, in questi undici anni ha contribuito alla crescita di un settore economico importante per lo sviluppo sostenibile del nostro territorio, e non di meno alla sua salvaguardia idrogeologica, imprescindibile dalla cura e dall’attenzione verso le colture tradizionali”.

Ancora una volta – ha affermato Stefano Senese, Segretario generale della Camera di Commercio Riviere di Liguria – Liguria da Bere, forte del successo di visitatori registrato nelle precedenti edizioni, punta a mettere a sistema le eccellenze del territorio e ad offrire un momento di contatto diretto tra produttori e consumatori. Un percorso che come Camera di Commercio delle Riviere di Liguria ci vede ancora più impegnati e motivati. E’ da iniziative come questa che bisogna partire per costruire sinergie sempre più forti che permettano alla Liguria di essere sempre più competitiva”.

Liguria da Bere – ha dichiarato l’assessore alle attività produttive del Comune della Spezia Corrado Moriè uno degli appuntamenti ormai tradizionali che apre la stagione estiva. Una manifestazione che ha saputo crescere e affermarsi negli anni come evento di punta per l’intera regione e per l’area vasta che vede La Spezia come suo baricentro. Una formula vincente che deve il suo successo alla capacità di combinare la promozione delle nostre eccellenze nel campo della produzione vinicola con un grande coinvolgimento popolare, mettendo al centro la cultura enogastronomica e le tradizioni del nostro territorio”.

Durante la tre giorni sarà possibile svolgere un percorso degustazione lungo i 50 stand che presenteranno più di 200 etichette, oltre a tipicità dell’enogastronomia, come i presidi
Slow Food, le eccellenze del Biodistretto Val di Vara, i muscoli, le ostriche e il Consorzio focaccia del di Recco col Formaggio. Inoltre, ogni sera sono previsti una serie di appuntamenti, le ‘CONVERSAZIONI’, organizzati in collaborazione con diverse realtà liguri (vedere scheda programma). Sabato 18 giugno alle 21 in Piazza Beverini ci sarà uno spettacolo di musica dal vivo a cura di DECIBEL ZERO.

Nelle tre giornate, dalle ore 18, presso lo stand degli organizzatori, in piazza Beverini, si potrà acquistare il bicchiere e relativa sacca al prezzo di 5 euro. Ogni degustazione costerà 2 euro. Si potrà inoltre comprare il kit a 10 euro comprendente il bicchiere, la sacca e tre degustazioni. I ticket si possono utilizzare in qualsiasi stand e per qualsiasi tipologia di vino, unicamente lo Sciacchetrà ha un costo pari a 4 euro (due ticket).

Advertisements
Annunci
Annunci