Interrogazione di Guerri sui problemi ambientali e di sicurezza del Piano di Pitelli

LA SPEZIA– Il consigliere comunale Giulio Guerri, portavoce della lista civica “Per la Nostra Città”, dopo aver incontrato i cittadini del comitato del Piano di Pitelli svolgendo con loro un sopralluogo nella zona, ha inviato al sindaco un’interrogazione urgente per rappresentare le gravi problematiche ambientali, di degrado e di sicurezza che affliggono questa porzione di territorio comunale. “Fra due aree altamente inquinate (il sito delle discariche di Pitelli sopra e l’area della centrale Enel sotto), c’è una fascia urbanizzata in cui vivono decine di famiglie del tutto dimenticate dall’amministrazione, alle quali non vengono dati neppure i servizi minimi per i quali si pagano le tasse.”

Questa la premessa di Guerri, che elenca poi i problemi riscontrati: transito caotico e pericoloso di mezzi pesanti in una strada stretta e tortuosa (via Privata Enel), priva di mezzeria, marciapiedi, strisce pedonali e adeguata regolamentazione del traffico, dove ogni giorno è a rischio la vita stessa delle persone; scarsa illuminazione, buche; mancanza di vie di scolo delle acque piovane macchioni di vegetazione infestante e montagne di rifiuti lungo il bordo della strada e nel limitrofo torrente (circostanze che oltre al decoro urbano inficiano ulteriormente la sicurezza); necessità di controllare e limitare le pesanti emissioni prodotte anche in orario notturno da attività di recente insediamento (quale il cementificio a servizio dei cantieri Anas) e di tenere conto che, rispetto a possibili nuovi insediamenti in aree resesi libere in zona, va evitato il rischio che prendano campo tipologie di attività che possano aggravare la situazione già insostenibile sul piano della vivibilità, della circolazione stradale e della sicurezza.

Advertisements
Annunci
Annunci