Idee per La Spezia. Oltre la stagione: il centro fieristico innovazione per un indotto turistico

Occorre attuare una politica per la diversificazione dell’offerta, in grado di intercettare le motivazioni della domanda turistica, anche nella direzione del turismo congressuale, fieristico e d’affari.

Il sistema delle fiere e dei congressi ha avuto storicamente un ruolo significativo nell’economia ma anche nell’insieme di relazioni di tipo turistico che esse generano, rappresentando uno dei segmenti considerati di maggiore interesse dal punto di vista economico. Possiamo, infatti, facilmente valutare quanto e come sia importante per il territorio l’attività fieristico congressuale per l’indotto generato da espositori, visitatori e congressisti, nei settore della ricettività alberghiera, della ristorazione e del tempo libero.

La motivazione del viaggio del congressista/espositore si attiene al lavoro e alla cura dei propri interessi tramite la partecipazione a convegni, fiere, mostre, saloni espositivi. Durante la trasferta, però, questo tipo di turista ricerca anche momenti ricreativi, di svago o di arricchimento culturale, come la visita a musei, monumenti, luoghi di interesse storico-culturali, anche per gratificare i famigliari che spesso accompagnano uomini e donne d’affari. La spesa media del turista congressuale è molto più elevata della spesa media del turista per svago: il turista d’affari, specialmente quello congressuale, frequenta le mete turistiche nella cosiddetta “bassa stagione”, anche perchè la destinazione e il periodo del viaggio non sono scelti liberamente dal partecipante, ma vengono condizionati dall’organizzazione degli eventi e, per quanto riguarda i lavoratori dipendenti, sono decisi dalle aziende che stabiliscono le manifestazioni a cui partecipare. Questa tipologia di turista spesso ha un profilo culturale e sociale medio-alto e richiede servizi di buon livello qualitativo, anche perché abitualmente il costo della trasferta non è a suo carico, ma dell’impresa per cui lavora.

Quali opportunità offre e quali requisiti richiede lo sviluppo del sistema fiera all’interno dell’economia del territorio e del mercato del lavoro? Le figure impiegate sono molteplici, dal project manager di mostra al responsabile della comunicazione, per esempio. Fondamentale il ruolo degli organizzatori di eventi collaterali che si occupano dell’ideazione, organizzazione ed erogazione di eventi di intrattenimento che completano la dimensione commerciale delle manifestazioni fieristiche e congressuali, quali serate a tema, cene di gala, sfilate, partecipazione a spettacoli, etc.

Una struttura come Speziaexpo, quindi, è un potenziale enorme che deve contribuire al rilancio dell’economia e del turismo. Io immagino un calendario di manifestazioni di interesse locale, regionale e nazionale, oltre a numerosi congressi, che possano attrarre migliaia di persone. Non manca nulla e le condizioni ci sono affinchè Speziaexpo possa vivere e non rimanere tristemente sottoutilizzato proprio all’ingresso di una città che vuole definirsi turistica.

Paola Settimini

Advertisements
Annunci
Annunci