Mangia Trekking, escursione alla Madonna dell’Olmo

Si racconta che fu un’immagine della Madonna con il Bambino, dipinta intorno all’anno 1640 su una lastra di ardesia, ed apposta poi lungo la via, che originò il culto verso la Madonna del Monte o della Costa. Il cui primitivo nome derivava dalla località in cui era stata poi sistemata  la lastra di ardesia dipinta; davanti alla quale i pellegrini, sempre più numerosi, si fermavano in preghiera. La motivazione  o il nome Madonna dell’Olmo giunse soltanto successivamente, in virtù sembra, di una grande pianta di olmo che si trovava sul piazzale antistante il Santuario costruito per proteggere il dipinto sacro, posto sulle pendici del Monte Santa Croce,  in posizione che sovrasta il Golfo ed il quartiere di Fabiano, a circa 280 m sul livello del mare. Un monumento storico religioso, quello della Madonna dell’Olmo, che fu prima, nel 1667, una piccola chiesa, e più tardi, nel 1839, divenne Santuario. Da sempre la città di La Spezia e tanti dei suoi abitanti si uniscono con  storia e  tradizione locale alla Madonna dell’Olmo, la quale dall’alto della collina sembra vegliare sul Golfo dei Poeti.

Così l’associazione Mangia Trekking, sensibile all’argomento, e che con la propria attività di alpinismo lento tende sempre ad evidenziare quanto le chiese ed i luoghi sacri in genere rappresentino anche veri e propri  monumenti storici dei territori, su iniziativa di Don Gianluca Galantini parroco di Fabiano e Gian Paolo Camolei, storico camminatore dell’associazione, in tante parti del mondo, in occasione della ricorrenza, quest’anno ha  organizzato, come prova, una piccola,  prima escursione denominata “Sulle vie dei pellegrini della Madonna dell’Olmo”.  E dato il gradimento ricevuto dall’iniziativa, per il  prossimo anno, l’associazione Mangia Trekking, considerato anche in generale, l’interesse destato in questo momento storico dal genere di attività,  in occasione della ricorrenza, ha già pianificato di organizzare un vero e proprio pellegrinaggio da una zona significativa della  città di La Spezia, alla vetta del Monte Santa Croce, per scendere poi al Santuario della Madonna dell’Olmo per la celebrazione religiosa, per la caratteristica degustazione di prodotti tipici di stagione, e rientrare, nella sera, in silenzio, verso il  mare.

Foto - Alcuni partecipanti davanti al Santuario con Don Galantini

Advertisements
Annunci
Annunci