Fossitermi, altri due tentativi di furto. Il Comitato cittadino annuncia azioni autonome contro il degrado sabato 21

LA SPEZIA- Continuano le problematiche legate al degrado e alla sicurezza nel quartiere di Fossitermi e, con l’avvento della bella stagione, si ripropone anche l’angosciosa questione dei furti negli appartamenti e la necessità per i cittadini di restare in costante contatto con le Forze dell’Ordine e continuare a mantenere operativo il gruppo “WhatsApp” costituito lo scorso anno, dove ognuno può far presente, in tempo reale, eventuali autovetture o individui sospetti. La scorsa settimana, infatti, i residenti hanno segnalato altri due tentativi di furto, entrambi non denunciati: il primo all’incrocio tra Via Fiume e Via Monteverdi, mentre il secondo nella zona poco più superiore.

Nonostante ripetute denunce inviate, riferite ad assenza di manutenzione nel quartiere, la situazione non è cambiata. Anzi, settimana dopo settimana si nota un peggioramento – scrive il Comitato cittadino, guidato da Marisa Granello, in una lettera indirizzata, lo scorso 13 maggio, al Sindaco della Spezia Massimo Federici e al Comandante della Polizia Locale Alberto PagliaiTenuto conto che siamo noi a doverci vivere e che la situazione di pericolo coinvolge noi e le nostre famiglie, siamo addivenuti alla decisione di “arrangiarci”.

Problemi inutilmente ribaditi anche in un’altra missiva dello scorso 10 marzo, tanto che i cittadini hanno deciso di iniziare ad affrontare la situazione autonomamente, come del resto “suggerito” dalla stessa Amministrazione comunale, fermo restando il rispetto per eventuali indicazioni che le autorità dovessero fornire in merito alle azioni che saranno intraprese, dal momento che avranno luogo in aree pubbliche: sabato 21 maggio, a partire dalle 8.30, i volontari del quartiere procederanno con la pulizia dei tombini e l’apposizione di una segnaletica “fai da te” nei punti individuati come pericolosi (marciapiedi, ringhiere, scalinate, etc.) affinché residenti e passanti siano prontamente avvisati.

(Francesco Munari)

Advertisements
Advertisements
Advertisements