Rebocco, Guerri all’attacco contro degrado e incuria

LA SPEZIA- Con una serie di interrogazioni, il consigliere comunale Giulio Guerri ha denunciato le diffuse condizioni di degrado e i numerosi problemi di igiene e sicurezza con cui sono alle prese i cittadini e gli operatori commerciali del quartiere di Rebocco. Il capogruppo della lista civica “Per la Nostra Città” ha messo in evidenza lo stato delle strade, dei canali (inclusi quelli di via Proffiano, già più volte esondati) e delle scalinate, dove si manifestano i risultati del mancato svolgimento dei lavori di sfalcio già necessari da settimane. Inoltre, Guerri ha rappresentato il disagio espresso dagli abitanti per le asserite carenze nei servizi di pulizia, specialmente in alcune strade e le conseguenti condizioni igieniche decisamente critiche, dovute anche a disfunzioni ben visibili sul fronte della raccolta dei rifiuti. A tal proposito Guerri ha anche sollecitato interventi di disinfestazione. Guerri ha posto poi specificamente l’attenzione sulle condizioni di Piazzetta Corradini (ben lontana dall’immagine di piazza del quartiere che pure la cittadinanza, giustamente, desidera attribuirle) e dell’area dell’ex binario fra via San Francesco e il “2 Giugno” (un macchione, nel quale si trova di tutto comprese colonie di topi, microdiscariche e siringhe). In ulteriori interrogazioni Guerri mette in evidenza lo stato disastroso del fondo stradale di vie (in particolare via Duino,  via Monviso e la pista ciclabile) e marciapiedi (a partire da quelli di via Monfalcone fra la chiesa e scalinata Maggiola e fra via Olivieri e via Impastato) e chiede anche interventi per il potenziamento della pubblica illuminazione, che risulta attualmente carente in molti punti, in particolare in via Rossetti e via San Francesco, dove da molto tempo vi sono punti-luce fuori uso, con gravi effetti per la stessa sicurezza della zona.

Advertisements
Annunci
Annunci