Ancora fiori sul Monumento all’Alpino

LA SPEZIA- Qualche mese fa avevamo segnalato l’omaggio della vedova di uno dei sopravvissuti della tragedia del cacciatorpediniere Alpino: un biglietto e un vaso di fiori bianchi, in ricordo di quei morti. Per la terza volta in un anno e mezzo, inoltre, avevamo denunciato il degrado in cui versa il monumento. I mesi passano, ma le cose non cambiano.

Monumento all’Alpino: degrado e ruggine
Monumento dell’Alpino: si poteva restaurare per la Festa della Marineria e invece…
Monumento dell’Alpino: l’omaggio della vedova di uno dei sopravvissuti

Sul basamento è comparso un nuovo vaso di fiori bianchi, con un nuovo biglietto, sempre in ricordo del marinaio Guido Santi, scomparso nel 2008 a Fogliano Redipuglia. Ad accogliere l’omaggio,  tanto per cambiare, la consueta ruggine e il consueto degrado.
Il prossimo anno ci sarà nuovamente la Festa della Marineria. La nostra città si preparerà nuovamente a festeggiare il mare e ad accogliere numerosi turisti: perché non presentare il monumento restaurato e ripulito? Ci dicono che la città deve guardare al futuro, ma non per questo dovrebbe dimenticare la sua storia. E quella dell’Alpino è una parte fondamentale della storia spezzina: un evento tragico che non deve essere messo da parte.

Advertisements
Annunci
Annunci