Da Ovunque proteggi a Il sole sulla pelle. La storia della strage ferroviaria di Viareggio diventa un film di Massimo Bondielli e Gino Martella

Il cortometraggio “Ovunque proteggi” con la regia di Massimo Bondielli, scritto insieme a Gino Martella, prodotto dalla Caravanserraglio Film Factory e fortemente voluto e condiviso dall’associazione dei familiari delle vittime della strage di Viareggio del 29/06/2009 “Il Mondo che Vorrei – ONLUS”, vince il premio di Miglior Documentario al Global Short Film Awards di New York e prima di ritirare il premio a Cannes, venerdì 13 maggio 2016 verrà proiettato al Lavoratorio Artistico di Sarzana.

Nella motivazione del premio si legge: un film italiano dal messaggio universale. Ed è proprio quello che gli autori di Ovunque proteggi in 12′ hanno cercato di raccontare: la dimensione umana, materiale, sconvolgente e inaccettabile di quanto accaduto la notte del 29 giugno 2009 nella stazione ferroviaria di Viareggio. La strage che ha ucciso 32 persone bruciate vive nelle loro case.

La realizzazione del film ha visto la partecipazione diretta dei familiari delle vittime della strage ferroviaria, Marco Piagentini e Daniela Rombi e dell’associazione dei familiari “Il Mondo che Vorrei”, che ha messo a disposizione il suo archivio. Chiara Rapaccini, designer e compagna di Mario Monicelli, ha realizzato la locandina del cortometraggio. Vinicio Capossela ha concesso l’utilizzo dell’omonimo brano musicale: Ovunque proteggi. Matteo Castelli, Gian Luca Cavallini, Egildo Simeone, Livio Bernardini, Walter Ubaldi, Giacomo Martella e Saura Argenziano ed altri amici artisti e professionisti hanno collaborato alla produzione.

Ovunque proteggi ha riscosso interesse ed è stato selezionato da 18 festival nazionali ed internazionali, vincendo oltre al GSF di New York, anche il Visioni Corte Film Festival 2015 e il Clorofilla Film Festival 2015 quale Migliore Corto Doc e ricevendo una Menzione Speciale al Pistoia Corto Film Festival.

Il “viaggio” del cortometraggio è l’occasione per portare la testimonianza diretta dei familiari delle vittime nelle sale, sui palchi, nelle piazze, nelle aule delle scuole e il 21 maggio prossimo sul Red Carpet di Cannes.

Un racconto civile itinerante, quello di “Ovunque proteggi”, embrione narrativo del lungometraggio “Il sole sulla pelle”, docu-film sulla stessa vicenda, le cui riprese sono già cominciate sempre con la regia di Massimo Bondielli.

Gli “autori” Massimo Bondielli, Gino Martella, i “familiari” Marco Piagentini, Daniela Rombi e il “ferroviere” Riccardo Antonini racconteranno la loro storia venerdì 13 maggio 2013 ore 21.00 al Lavoratorio Artistico di Sarzana, ospiti, per la sezione Lavoratorio Per il Pubblico, della Casa di Cultura. L’intera serata verrà mandata in diretta streaming radiofonica e potrà essere ascoltata collegandosi a www.radiorogna.caster.fm

Sarà la prima tappa di un ciclo di incontri/proiezioni organizzati insieme alle associazioni dei diversi territori, con l’obiettivo di promuovere la campagna di croudwfunding del progetto “Il sole sulla pelle” lanciato sulla piattaforma web di Produzioni dal Basso. “Fondamentale sarà il supporto dei cittadini, associazioni e aziende che credono nei temi trattati dal film. Realizziamolo insieme!” – dicono gli autori. 

Advertisements
Annunci
Annunci