Battistini (M5S): “Day Hospital oncologico, un argomento delicatissimo”

LA SPEZIA- Day Hospital oncologico, un argomento delicatissimo che, dal nostro ingresso in Consiglio Regionale, abbiamo trattato con una visione che andasse aldilà della contingenza e guardasse ad una strategia più ampia e duratura, con un orizzonte che non si fermi alla siepe dell’oggi ma guardi oltre, al futuro ed al bene comune.

Oggi, con la risposta ricevuta durante il Consiglio Regionale dall’assessore Viale, abbiamo avuto conferma che quanto ottenuto fino ad oggi e quanto ci era stato comunicato dalla direttrice dei presidi, Dottoressa Carlucci, cioè l’ampliamento ed il potenziamento del DH del S. Bartolomeo di Sarzana, va esattamente nella direzione che volevamo: un’ottimizzazione del servizio a vantaggio di tutti i pazienti oncologici della nostra provincia. Ottimizzazione, tra La Spezia e Sarzana, che consenta ai malati di potersi curare il più vicino possibile alle loro abitazioni, ai loro affetti, alle loro famiglie ed alleviando le sofferenze e le fatiche degli spostamenti.

Non ci interessa se qualcuno, oggi, cerca di cavalcare i successi che abbiamo, con impegno e fatica, ottenuto perché noi abbiamo agito solo nell’interesse della comunità.
Detto questo, però, ci pare doveroso ricordare che la parte politica che da decenni governa Sarzana, e fino allo scorso maggio aveva in mano anche la Regione, ha permesso, 15 anni fa, la destrutturazione e la chiusura del servizio di somministrazione dei chemioterapici al San Bartolomeo.
Ci pare giusto dire che solo con il nostro intervento ed il nostro presidio, in cui abbiamo raccolto oltre 1000 firme, grazie al contributo di una cittadinanza attiva e sensibile, abbiamo posto fine a 15 anni di false promesse e di illusioni, consentendo ai pazienti della Vallata del Magra di potersi curare senza intraprendere viaggi spesso debilitanti ed andando a decongestionare, con l’aumento progressivo della presa in carico dei pazienti su Sarzana, gli ambulatori della Spezia.

Non ci sono più scuse. Dobbiamo concepire l’ospedale di Sarzana e della Spezia come due nosocomi non in concorrenza ma funzionali tra loro. Far lavorare sinergica mente queste due strutture vorrà dire potenziare e migliorare i servizi sanitari offerti ai cittadini. Questa è la nostra visione integrata di Sanità Spezzina, in cui andremo a ripensare ed includere anche il fondamentale ruolo che dovrà tornare ad avere il San Nicolò di Levanto.

Francesco Battistini
Consigliere Regionale M5S

Advertisements
Annunci
Annunci