La Coop Terrazze nega lo spazio esterno per la raccolta firme alla CGIL. Bellegoni: “Atto grave”

LA SPEZIA– “Un atto grave che sa di ritorsione, un’offesa ai lavoratori.” Così Matteo Bellegoni, Segretario della Camera del Lavoro della Spezia, risponde al rifiuto della Coop delle Terrazze di concedere lo spazio esterno alla CGIL per la raccolta firme per la Carta dei Diritti Universali del lavoro.

Un rifiuto con motivazioni assurde e inconsistenti, animato solo dall’ostilità nei nostri confronti – continua il dirigente sindacale- di solito quello è uno spazio concesso a ogni genere di associazioni e anche imprese private. E’ evidente: la dirigenza della Coop de Le Terrazze non gradisce un sindacato libero e autonomo come il nostro. Ai loro occhi siamo quelli che hanno “osato” ribellarsi al padrone con i recenti scioperi che hanno visto un’adesione praticamente totale dei lavoratori. Dopo le intimidazioni ai lavoratori, come spostamenti di mansioni e reparto improvvisi e senza giustificazione e la sistematica violazione degli accordi sindacali firmati, adesso c’è questo ultimo atto.

Conclude il segretario CGIL: “Una ripicca di basso livello, di sapore ottocentesco e che non fermerà certo la nostra azione sindacale. La COOP dimostra ancora una volta di avere smarrito i suoi valori fondativi di solidarietà e cooperazione, per assumere sempre di più carattere, identità e sostanza di azienda privata. Ci chiediamo, allora, perché debba ancora usufruire dei vantaggi, a cominciare da quelli fiscali, propri del sistema cooperativo.

Advertisements
Advertisements
Advertisements