“I binari del porto per liberare Calata Paita devono essere spostati davanti a Via San Cipriano verso Canaletto”

 LA SPEZIA-Leggendo i quotidiani locali in questi giorni siamo finalmente riusciti a capire che i Comitati del Levante e le associazioni ambientaliste avevano ragione quando chiedevano chiarimenti in merito ai finanziamenti.
Capita infatti che la Corte dei Conti  abbia bocciato la delibera del CIPE per il finanziamento concesso per lo spostamento dei binari portuali . Abbiamo spesso chiesto chiarimenti sulla situazione di Calata Paita, sulle autorizzazioni relative al progetto aggiornato del P.R.P .abbiamo mandato le nostre osservazioni  sia alla Corte dei Conti che ai ministeri competenti

Ma l’Autorità Portuale continuava ad insistere sulla regolarità delle procedure e questo anche in relazione allo spostamento dei binari  e al progetto,in corso di appalto, relativo alla fascia di rispetto davanti a Canaletto e più precisamente nel tratto di 740 metri compreso tra via San Cipriano e via Giulio Della Torre. Siamo certamente d’accordo sul fatto che Calata Paita vada liberata e resa alla città ma ciò doveva concretizzarsi dopo aver attuato le prescrizioni della massima importanza che sono la mitigazione , entro i termini di legge, dell’inquinamento acustico e ambientale causati dall’attività portuale.

Qualcuno ha cercato di saltare a piè pari questo vincolo dando priorità a cose che non avrebbero dovuto averla,ovvero ai banchinamenti e agli interramenti andando contro la legge ed anche il Comune di La Spezia che,dovrebbe essere responsabile della salute dei cittadini,non ha sostenuto con forza la priorità del finanziamento sull’impatto ambientale lasciando correre arrecando danno allo stesso sviluppo portuale e contribuendo alla mancata restituzione di Calata Paita ai cittadini. I cittadini del levante si domandano come mai non siano informati sui controlli circa l’inquinamento sia acustico che atmosferico e quali le valutazioni sulle leggi regionali sul V.I.A. assolutamente non adeguate ad una città di mare ed ad un golfo come il nostro.

I Quartieri Del Levante

Franco Arbasetti e Rita Casagrande

Advertisements
Annunci
Annunci