Casa di riposo Sabbadini. Sindacati: “Comune si faccia garante, tutelare servizio e lavoratori”

SARZANA– CGIL, CISL e UIL confederali e pensionati hanno appreso dal Comune di Sarzana l’intenzione dell’Ente di vendere l’immobile  della Casa di riposo Sabbadini e utilizzare i proventi per la manutenzione dell’edilizia scolastica.

Ecco la loro posizione in una nota: “Abbiamo chiesto al sindaco Cavarra garanzie precise su tre punti: il mantenimento del servizio alla medesima qualità e alle stesse tariffe; la salvaguardia di tutti i posti di lavoro; l’impegno a convocare i sindacati prima della stesura del nuovo bando, in modo da recepire le nostre indicazioni da inserire nello stesso a garanzia dell’occupazione e della continuazione del servizio. Il nostro spirito, oltre ai punti specifici, è quello di tutelare il carattere pubblico di un importante presidio sanitario del territorio. Il sindaco ha accolto le nostre richieste e si è impegnato a riceverci in tempi rapidi, lo ringraziamo e aspettiamo allora la sua convocazione.

Advertisements
Annunci
Annunci