Cittadini, residenti e pendolari delle Cinque Terre non chiedono soluzioni “tampone” o  “d’emergenza” solo per evitare altre “catastrofi” pasquali!

MONTEROSSO-  Cittadini, pendolari e residenti ed operatori economici delle Cinque Terre e del Levante non chiedono soluzioni “tampone” o  “d’emergenza” solo per evitare altre “catastrofi” pasquali in qualche ponte o fine settimana, come ritiene l’Assessore Berrino: chiedono soluzioni efficienti e permanenti per la mobilità di residenti e turisti.

Dopo esserci sentiti dire per mesi dall’Assessore Berrino che l’unica soluzione era quella dei treni dedicati “Cinque Terre Express” ed essere trattati come fastidiosi questuanti dall’Assessore e dal suo apparato tecnico-politico, adesso si scopre che si faranno fermare in via straordinaria in alcuni ponti o fine settimana i treni che non fermano, e si presenta la cosa come un prova della bontà del sistema. Tutto questo è invece la prova evidente del fallimento del sistema congegnato dall’Assessore e dal suo apparato tecnico, pagato (lautamente!) con i contributi dei cittadini che dovrebbero rappresentare.

Qual è il “dialogo con  il territorio” di cui parla l’Assessore Berrino? Con quale territorio sostiene di aver dialogato?

Non certo con i residenti e pendolari, che da novembre chiedono di avere i treni per raggiungere il posto di lavoro e  gli ospedali, le  scuole e negozi, tutto quello che permette loro di continuare a mantenere vive e attraenti le Cinque Terre. Cinque Terre che senza chi ci vive e lavora sarebbero già da decenni un Parco vuoto, di nessun interesse per nessun turista al mondo. E’ proprio è per la mancanza di ascolto da parte sua che è stata richiesto più volte l’intervento del Presidente Toti, della maggioranza che lo sostiene e dei consiglieri regionali.

Cittadini, pendolari e residenti ed operatori economici non chiedono “tapulli” spacciati come scelte brillanti: chiedono che venga abbandonato un “sistema” di “treni dedicati” che danneggia la vita quotidiana di chi vive e lavora sul territorio e di chi viene a visitarlo, un sistema che ha isolato le Cinque Terre dal Levante, dal capoluogo di Regione, dal resto della Regione e dal resto d’Italia, che ha allungato i tempi di percorrenza introducendo interscambi obbligati ed inefficienti, che ha reso complicato ciò che era semplice e che si vorrebbe, anche, far pagare a caro prezzo per la Regione e per gli utenti. Queste sono le cose che da mesi sono state dette e ridette, scritte e riscritte da residenti e operatori economici delle Cinque Terre all’Assessore.

  I cittadini ed i rappresentanti delle Categorie sostenitrici del ricorso al TAR

 

 

 

 

Advertisements
Advertisements
Advertisements