Commissione sull’Ospedale del Felettino, Ruggia: “Fattiva collaborazione tra le Istituzioni”

LA SPEZIA- “Risposte dalla Soprintendenza entro 15-20 giorni e demolizione del vecchio Felettino entro l’anno”. Questo è ciò che è emerso nel corso della Commissione di oggi pomeriggio, alla quale hanno partecipato il Direttore Generale della ASL5, Gianfranco Conzi e l’ingegner Massimo Buccheri, responsabile dei lavori. Il vicensindaco Cristiano Ruggia ha parlato di fattiva collaborazione tra Regione, ASL, Comune e Soprintendenza, che sarebbero vicine a una definitiva soluzione per ciò che riguarda la decisione su Villa Cerrè, il “rudere” che ha fermato i lavori per il nuovo Ospedale.

Conzi ha dichiarato che la ASL5 aveva presentato alla Soprintendenza tutta la documentazione, compresa la segnalazione della Villa e che da Genova era arrivato l’ok alla demolizione: la costruzione, che ha almeno duecento anni, era quindi stata considerata senza valore, nonostante tutti, nelle vicinanze sapessero di cosa si trattava. “C’è forse stata“, chiede il consigliere Guerri,una negligenza da parte della ASL?“; ma Conzi respinge le accuse. I lavori per il nuovo Ospedale, assicurano ASL e Comune, andranno avanti: entro la fine dell’anno il vecchio ospedale verrà demolito. Nessuno stop, nessuna variazione di progetto che sarebbe troppo dispendiosa in termini di tempo e di soldi. L’altare di Villa Cerrè potrebbe essere prelevato e portato nella cappella del nuovo Ospedale.

Questa del Felettino è una vera e propria telenovela, l’ennesima in salsa spezzina, in cui tutti si discolpano e nessuno ha sbagliato.

Villa Cerrè: www.desertilocis.com

Advertisements
Advertisements
Advertisements