Alle 8:30 di questa mattina Roberto Bolleri è ritornato nel suo appartamento. L’Avvocato Bruzzi-Alieti: “La Giustizia ha trionfato”

LA SPEZIA– Alle 8.30 di questa mattina, Roberto Bolleri ha finalmente fatto ritorno nel suo appartamento al 154 di via Napoli: un momento da lui atteso per oltre un mese, arrivato dopo il dissequestro dell’immobile disposto dal Pubblico Ministero Maurizio Caporuscio, in seguito all’istanza depositata martedì mattina in Procura da parte dell’avvocato Cesare Bruzzi Alieti.

IMG-20160414-WA0000
Roberto Bolleri insieme ai suoi legali, l’avvocato Cesare Bruzzi Alieti (al centro) e il dottor Michele Bianchi (a sinistra)

Si chiude così una vicenda drammatica, culminata con il presidio di protesta indetto esattamente una settimana fa, durante il quale decine di cittadini insieme ai militanti di Forza Nuova, CasaPound e al Consigliere comunale di opposizione Luigi De Luca, al grido di “Siamo tutti qua per Roberto” e “Fuori subito”, avevano chiesto a gran voce che il 56enne disabile, al quale una famiglia italo-marocchina aveva occupato abusivamente l’alloggio popolare, potesse farvi immediatamente ritorno: l’uomo, infatti, è regolare assegnatario dell’appartamento, nel quale vive dal 2003.

Finalmente la giustizia ha trionfato – ha detto a LaSpeziaOggi.it Cesare Bruzzi Alieti, avvocato difensore di Roberto Bolleriil signor Bolleri è potuto rientrare nella sua casa e, tutto sommato, siamo riusciti ad ottenere questo risultato in un tempo abbastanza contenuto, per cui siamo molto soddisfatti. Speriamo – ha concluso il legale – che non si verifichino più casi analoghi, né a Spezia né nel resto d’Italia.”

Dopo tanto tempo, dopo tanti interventi, dopo tante discussioni, sono riuscito a tornare a casa – ha detto emozionato Roberto Bolleri al nostro giornale – Ringrazio il Consigliere De Luca, l’avvocato, il Comitato e tutta la popolazione spezzina e arcolana che mi ha sostenuto e dato tanta solidarietà.”

(Francesco Munari)

Advertisements
Annunci
Annunci