Simone Arena e Eleonora Rescigno della “Manzoni-Ungaretti” di Ceparana premiati dalla scrittrice fiorentina Eleonora Scali

BOLANO, 5 aprile 2016 – Ha avuto luogo questa mattina, presso l’aula magna al primo piano dell’Istituto Comprensivo “Manzoni – Ungaretti” di Ceparana, la premiazione dei due alunni vincitori della gara di scrittura rivolta ai ragazzi delle secondarie di primo grado, che si è svolta nell’ambito della seconda edizione del progetto nazionale “Libriamoci a Scuola”, iniziativa culturale promossa dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo. Un momento di grande entusiasmo e partecipazione, durante il quale Simone Arena, della classe 1ªA, e Eleonora Rescigno, della classe 1ªD, si sono contraddistinti per l’originalità e la profondità culturale, morale ed intellettuale delle loro opere, autentiche metafore della società contemporanea e dei suoi valori, piccole creazioni come “specchi” di una realtà riflessa nei pensieri e nelle emozioni degli uomini e delle donne di domani. A premiarli con il riconoscimento di “miglior piccolo scrittore” direttamente l’autrice di favole per bambini Eleonora Scali, che ha donato ai piccoli autori una copia del libro da lei personalmente stampato e rilegato, ma prodotto con le storie e le illustrazioni realizzate dai bimbi stessi. Dopo la consegna, avvenuta alla presenza dei compagni, delle insegnanti e della preside, Eleonora Scali ha poi narrato i racconti scritti dai due ragazzi.

Fra ottobre e novembre dello scorso anno ho tenuto vari seminari legati al progetto ministeriale “Libriamoci a Scuola” in istituti scolastici liguri e toscani – spiega la scrittrice ed appassionata lettrice fiorentina – Ho parlato ai ragazzi dell’importanza dei libri e dei motivi per cui leggere è un privilegio, oltre che un piacere. L’incontro presso l’Istituto Comprensivo ISA 20 di Bolano – prosegue Eleonora Scaliha suscitato un tale interesse fra gli alunni che ho proposto loro di scrivere ed illustrare una storia che avrei trasformato in un libro da regalare al migliore. I ragazzi – conclude la Scali – hanno aderito con entusiasmo, producendo decine di scritti: le loro insegnanti gli hanno letti e selezionati, mentre io ho decretato il vincitore finale.”

Simone Arena – Il paese senza nome

Ho scelto il racconto di Simone per la sua originalità, la sottile ironia e il messaggio finale, davvero profondo considerata la giovane età dell’autore – ha detto Eleonora Scali durante la premiazione – Ha della stoffa il ragazzo e, se ama scrivere, consiglio vivamente di continuare a coltivare questa passione”.

Eleonora Rescigno – Il miracolo di Natale

Ho scelto il racconto di Eleonora per la sua attualità. L’autrice – commenta Eleonora Scali racconta il fenomeno dell’immigrazione da un punto di vista del tutto originale, quello di chi, da casa, segue con apprensione e speranza le vicende di un parente, nel suo caso papà Giovanni, che lavora per salvare la vita a chi fugge da guerra e miseria. Quella di Eleonora – ha precisato la scrittrice di Firenze – non è una favola, è vita di tutti i giorni narrata con un pathos che commuove fino alle lacrime. Eleonora ha la stoffa della giornalista. Chissà – conclude emozionata la Scali – forse un giorno la vedremo in televisione come inviata speciale da qualche paese straniero.”

Molti di voi – ha detto la Dirigente scolastica Lucia Cariglia, rivolgendosi agli studenti – sono convinti che, una volta terminato l’orario di lavoro scolastico, il nostro rapporto con la cultura termini con il suonare della campanella. Anche per noi dirigenti e insegnanti, invece, continuare a leggere è importante. Un libro – ha concluso la Dirigente dell’ISA 20 di Bolano – è sempre presente accanto a noi, sul nostro comodino la sera prima di addormentarci. E’ un amico che ci porta in mondi lontani e ci permette ancora di sognare.

Il mio messaggio a tutti i ragazzi è: leggete, leggete, leggete e, se lo sentite nelle vostre corde, provate anche a scrivere – è il fervido saluto di Eleonora Scali ai giovanissimi presenti, prima di lasciare l’aula – Leggere e scrivere è prerogativa esclusiva dell’essere umano, fa bene al cervello, arricchisce l’anima e non ha nessuna controindicazione.”

Per chi volesse leggere e condividere i libri di Simone Arena e Eleonora Rescigno è possibile visitare le pagine FaceBook “Favole personalizzate – My fairy tale” e “Piccoli scrittori crescono” cliccando sui seguenti link:

https://www.facebook.com/favole.personalizzate.Myfairytale/?fref=ts

https://www.facebook.com/media/set/?set=a.448920091982476.1073741872.177162442491577&type=3

20160405_102038

(Francesco Munari)

Advertisements
Annunci
Annunci